Il Giornale del Popolo: Apple tratta i clienti cinesi come utenti di serie B

Il quotidiano cinese che rappresenta la voce del partito comunista e quindi del governo si è scagliato contro le politiche che Apple adopera in Cina per quanto riguarda assistenza ai clienti e rapporti con la stampa. Si tratta di una manovra studiata per dare più spazio alle aziende locali?

chinese-newspaper-slams-apple

Secondo il Giornale del Popolo cinese le politiche di Apple sono “inconsistenti e volte all’auto-elogio”. È questo che si legge nell’attacco pubblicato in prima pagina dal quotidiano rappresentante la voce del partito comunista dell’enorme stato asiatico.

Si tratta del seguito di alcuni dissensi che si susseguono da vecchia data, in cui gli utenti cinesi non si sentono privilegiati, come quanto avviene in altri paesi internazionali dal servizio ai clienti di Apple. L’articolo sul giornale è il risultato di una campagna televisiva cinese in cui si nota che Apple rifiuta la sostituzione di iPhone difettosi, in cambio della riparazione degli stessi, cosa che non avviene all’interno degli Apple Store di altre parti del mondo.

“La garanzia di Apple è più o meno uguale in tutti gli stati del mondo”, questa la risposta del colosso di Cupertino. Risposta che ha provocato le ire del Giornale del Popolo, costringendolo a scrivere l’articolo in cui vengono evidenziate le affermazioni che abbiamo riportato poco sopra.

Una situazione di questo tipo, vista la funzione governativa che detiene il quotidiano, potrebbe inasprire i rapporti – già difficili – che si hanno fra Apple e lo stato cinese, elemento che potrebbe rendere ancora più difficile il processo di crescita in quel territorio, che rappresenta un enorme potenziale per il settore degli smartphone.

Il Giornale del Popolo sostiene anche che Apple abbia rifiutato l’esecuzione di un’intervista, nella quale spiegare i motivi della differenza della qualità del servizio d’assistenza in Cina, rispetto agli altri paesi del mondo.

Una situazione di questo tipo potrebbe essere presa in contropiede dai colossi emergenti cinesi della telefonia mobile, come Huawei, ZTE e Lenovo.

Via | Engadget

 

 

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: