Apple crede molto nell’iPhone 6: ne produrrà 80 milioni solo nel 2014

Sin dalla sua uscita nel 2007, Apple ha sempre creduto in molto in iPhone e nel fatto che il device possa facilmente diventare lo smartphone per eccellenza scelto dagli utenti. Sia attraverso funzioni e componenti sempre più avanzati, sia attraverso rumor provenienti da varie fonti, ci rendiamo conto che iPhone 6 non sarà da meno ed è proprio per questo che Apple, credendo fermamente nella validità del prodotto, decide di aumentare le unità prodotte in maniera consistente.

ip6

Secondo un report del Wall Street Journal, Apple prevede di produrre fino a 80 milioni di unità di iPhone 6 per la fine dell’anno. Nonostante le ormai note difficoltà nella produzione della versione da 5.5 pollici (che potrebbe quindi giungere in scorte limitate), scopo di Cupertino è quello di garantire una copertura pressoché globale del device.

Se si pensa che per il lancio di iPhone 5s e 5c furono prodotte  circa 50-60 milioni di unità, possiamo ben capire come Apple creda fermamente nella validità del suo prossimo smartphone e come l’azienda non nutra dubbi sul fatto che iPhone 6 farà breccia nel cuore degli acquirenti.

Probabilmente l’aumento di unità è anche dovuto al fatto che, offrendo un device di categoria phablet, Apple entrerà in diretta competizione con molti device Android dalle dimensioni maggiorate che, per esigenze di utilizzo, stanno dominando il mercato della telefonia (in particolar modo quello asiatico).

Contorna questa vicenda la su citata difficoltà di produzione dello schermo di iPhone 6. La nuova tecnologia in-cell cerca, infatti, di integrare il pannello touch all’interno di quello a cristalli liquidi gestendo quindi i due componenti in un’unica e più sottile soluzione. La produzione, ricordiamo, pare essere per ora affidata a Foxconn e Pegatron.

Una volta lanciato il device, si correrà veramente il rischio di ricevere un “è finito” una volta terminata l’enorme fila d’attesa all’Apple Store?

Via | iClarified

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: