Quale app sta divorando la vostra batteria? Ve lo dice Normal

App ID errato

Probabilmente il problema che, a livello tecnologico, avvilisce la maggior parte degli utenti della nostra generazione è il consumo della batteria. Sempre più tecnologici e sempre più grandi, tablet e smartphone sono devi veri e propri divoratori di energia. Ci sono però alcune app specifiche che sono causa del prematuro esaurimento della batteria di un device. Come identificare queste app? ve lo dice Normal.App ID errato

Normal è ormai numero uno nella sezione Utility di App Store. L’app si configura come un servizio di diagnosi della batteria che suggerisce le azioni personalizzate che si possono adottare al fine di estendere la durata della batteria. Il nome Normal è dovuto alla domanda che ogni utente dovrebbe porsi: il consumo della mia batteria è uguale a quello degli altri utenti?

Quando si entra in Normal vedrete divise le app in attive, inattive e altre app. Accanto ad ogni app vi è un cerchio che segnala appunto il consumo di batteria di quell’app in quel momento e una scritta sottostante che indica quanta carica si risparmierebbe in caso di chiusura.

Chiudendo l’app di Facebook, ad esempio, secondo Normal si potrebbero risparmiare 26 minuti e 47 secondi di carica, mentre chiudendo l’app di Instagram dal Background risparmieremmo addirittura un’ora e 7 minuti.

Le app possono essere anche riconfigurate per far si che consumino meno energia. Alcune app online come Pinterest sono ingorde di carica, ma alcune configurazioni particolari possono portare ad ottimizzare notevolmente i consumi.

Se anche il vostro device esaurisce la carica in tempi record, magari è il caso di approfondire di più sulle cause. Nel caso decidiate di usare Normal, qual è l’app più ingorda della vostra galleria?

Via | Techcrunch

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: