Con iOS 10 gli utenti potranno nascondere da iPhone alcune delle applicazioni preinstallate

Presto gli utenti iOS potranno rimuovere dai loro dispositivi le applicazioni predefinite come Borsa, Bussola e alcune altre installate di default sui dispositivi.

borsa

Tra i metadati di iTunes – posizione in cui sono inserite e conservate tutte le informazioni di un’applicazione, come ad esempio data di rilascio, categoria, dimensioni, etc. – sono state aggiunte due nuove chiavi chiamate “isFirstParty” e “isFirstPartyHideableApp” che suggeriscono la possibilità che sarà fornita agli utenti di rimuovere alcune delle applicazioni installate di default su iPhone e iPad.

Le chiavi sono dotate di un valore boleano (vero/falso) per cui alcune saranno rimovibili mentre altre no. La spiegazione è stata fornita a settembre da Tim Cook che ha spiegato come alcune applicazioni servono e sono collegate a qualcos’altro sul dispositivo. La loro rimozione potrebbe creare problemi che, al contrario, non si presenterebbero per alcune altre.

Screenshot-2016-04-04-11.03.13-2_f237c350b8ba52a027e3e6f1232f0a98-m

Nello screenshot trapelato vengono mostrate le nuove chiavi ed ogni singola applicazione presente sull’App Store ora ha questa funzione. Per ora sono tutte impostate su “false” ma il fatto che sia stata introdotta la chiava dimostra che Apple potrà attivare la funzione di eliminazione di alcune app modificando il valore della stringa.

L’annuncio, con tutta probabilità, sarà dato al WWDC di giugno quando è previsto l’annuncio di iOS 10 e sarà disponibile nelle beta di iOS dopo il lancio di iPhone 7 a settembre.

Forse, finalmente, è arrivato il momento di poterci liberare di alcune applicazioni superflue dal dispositivo e di una cartella di “deposito” dove spesso vengono inserite tutte le app installate che non si possono eliminare.

Via | Appadvice

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: