Apple rischia una Class Action per la sostituzione dei prodotti coperti da AppleCare+

Apple potrebbe presto doversi difendere da una Class Action intentata nei suoi confronti dai clienti che hanno acquistato i pacchetti AppleCare e AppleCare+ per la copertura dei danni su iPhone e iPad.

 care

La contestazione parte dal fatto che Apple sostituisce i prodotti danneggiati con dispositivi uguali, buoni in termini di prestazioni e affidabilità, però sono modelli di seconda mano ricondizionati.

La causa è stata presentata alla Corte Distrettuale della California da Vicky Maldonado e Joanne McRight a nome di tutti i clienti che hanno acquistato un piano per la sostituzione dei dispositivi. L’accusa sostiene che i clienti coinvolti siano stati economicamente danneggiati dal momento che Apple ha sostituito i dispositivi con unità ricondizionate che non possono essere considerate “nuove”.

Per nuovo si intende un dispositivo che non è mai stato utilizzato o venduto in precedenza ed ogni parte sia nuova. La parola “ricondizionato” viene citata solo una volta nelle 33 pagine che illustrano le condizioni di AppleCare+. In più il termine ricondizionato non si riferisce all’intero dispositivo ma solo ad una parte di esso.

 

I sostenitori della class action ritengono falsa e fuorviante la pubblicità del piano AppleCare che l’azienda vende a 79,99 dollari promettendo di sostituire i dispositivi che subiscono danni accidentali. Le sostituzioni con dispositivi ricondizionati non possono essere «equivalenti ad un dispositivo nuovo in termini di prestazioni e affidabilità».

La parola ora spetta al giudice della corte distrettuale che dovrà stabilire se la dicitura di equivalenza possa essere considerata valida altrimenti Apple potrebbe vedersi costretta a rimborsare tutti gli utenti che si sono sentiti ingannati dal programma di protezione AppleCare.

Via | CultOfMac

 

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: