Ad Aprile di quest’anno Apple ha modificato una clausola della licenza per l’utilizzo dell’SDK e tra le novità era stato introdotto il divieto nell’utilizzo di software alternativi per lo sviluppo, o meglio, la conversione di applicazioni iPhone partendo da linguaggi diversi dall’Objective-C.

In un primo momento abbiamo creduto che tutto ciò colpisse soltanto la Creative Suite 5 di Adobe, impedendo quindi la conversione delle applicazioni in Flash ed evitando che queste possano essere inviate in App Store ma oggi Kevin Miller, CEO di RunRev, ha fatto sapere sul suo blog che Apple ha bloccato anche RevMobile.

RevMobile è un tool potentissimo, di cui vi abbiamo più volte parlato, che permetteva di eseguire una programmazione veramente semplice, ed una conversione automatica in Objective-C. Il risultato finale era un’applicazione in Cocoa al 100%, che non avrebbe nemmeno influito negativamente sulle performance o sulla batteria.

La software house potrebbe continuare lo stesso a commercializzare il tool di sviluppo, anche senza l’accordo di Apple, ma il CEO preferisce non farlo e probabilmente si dedicherà soltanto alle altre piattaforme come Maemo e Windows Mobile.

Via | Macitynet