Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Google Music: Ecco i primi dettagli sul servizio che potrebbe “schiacciare” iTunes
Notizie

Google Music: Ecco i primi dettagli sul servizio che potrebbe “schiacciare” iTunes 

Arrivano le prime indiscrezioni relativamente al nuovo servizio Google Music, con il quale il colosso di Mountain View entrerà in diretta concorrenza con iTunes.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Partiamo dall’acquisto dei brani, dove possiamo vedere dei prezzi molto accattivanti. Solo 7$ per l’acquisto di un intero album oppure 70 centesimi per l’acquisto di un singolo brano.

Ma non è ancora tutto. Si vocifera che Google avrà anche un servizio Cloud-server, dove gli utenti potranno abbonarsi pagando soltanto 25$ all’anno, ottenendo la possibilità di scaricare tutte le canzoni che desiderano, senza alcun limite.

In questo caso però, non sarebbe un vero e proprio download in quanto gli utenti potrebbero ascoltare un numero illimitato di canzoni e senza limiti, ma soltanto in streaming. Nulla verrebbe effettivamente salvato o memorizzato nel telefono per cui sarebbe richiesta una connessione ad internet costante.

Per l’accesso al servizio “cloud”, Google fornirebbe un’applicazione specifica a tutti gli utenti Android. Gli utenti di altre piattaforme, iPhone compresi, potrebbero utilizzare il servizio tramite un player multimediale direttamente nel browser.

Il funzionamento della “nuvola”, non si limiterebbe soltanto a questo. Dovrebbe infatti offrire anche uno storage abbastanza ampio, in maniera tale da permettere agli utenti di caricare sul server tutti i brani della propria libreria offline (già presenti nel proprio computer) ed infine integrerebbe alcune funzioni sociali come la condivisione di un brano, di una playlist e tanto altro ancora, con i propri amici.

Resta da vedere come reagiranno le Major. Si vocifera infine che il prezzo medio di 7 e 70 centesimi di dollaro, potrebbero variare con la stessa politica di Apple, ovvero: 91 centesimi per le hit più recenti e 49 centesimi per i brani a catalogo.

Via | Macitynet

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.