Rumors

Zibri: Il chip della baseband dei prossimi modelli di iPhone verrà prodotto da Qualcomm | Rumors

Zibri, famoso hacker nel mondo iPhone e sviluppatore di ZiPhone (uno dei primi tool per il Jailbreak dell’iPhone), sembra essere rientrato in scena, comunicando di aver trovato tra i file di iTunes alcune informazioni riguardo quella che potrebbe essere la baseband del prossimo modello di iPhone.

Stanco di tutti i falsi rumors, Zibri ha deciso di esplorare lui stesso i file di iTunes per cercare inzidi sulla nuova baseband, e a quanto pare ha trovato qualcosa di interessante.

Tramite un articolo sul suo blog, Zibri ha comunicato che la nuova baseband sarà prodotta da Qualcomm, intuibile dai file partition.mbn e AMSS.MBN, nomi tipicamente utilizzati per componenti Qualcomm.

I prossimi modelli di iPhone, quindi, dovrebbero utilizzare un chip di Qualcomm per la baseband. Non è ancora chiaro se il nuovo chip verrà adottato a partire dall’iPad 2, o dall’iPhone 5. È sicuro però che Apple sta in qualche modo “testando” queste nuove baseband nell’attuale versione di iTunes.

Per chi non ricordasse, Zibri è lo sviluppatore di ZiPhone, un programma che permetteva di eseguire il Jailbreak dei vecchi iPhone EDGE con firmware 1.x, come avveiene attualmente con Redsn0w. Uscì di scena in merito a discussioni con il DevTeam, secondo le quali il romano Zibri avrebbe rilasciato quel programma autonomamente rubando parte del codice e l’exploit necessario, dallo stesso Team di cui in precedenza ne era membro.

Grazie Ludovico per la segnalazione

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!