Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Il Senato degli Stati Uniti d’America vota per il ripristino della Net Neutrality
Notizie

Il Senato degli Stati Uniti d’America vota per il ripristino della Net Neutrality 

Il Senato degli Stati Uniti d’America ha votato per salvare la net neutrality, ma a quanto pare non sarà una cosa risolvibile nell’immediato futuro.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Con 52 voti contro 47, i senatori degli Stati Uniti d’America hanno ribaltato il Restoring Internet Freedom Order della Federal Communication Commission (FCC). Ciò è stato possibile grazie al Congressional Review Act (CRA), che consente al Congresso di rovesciare recenti decisioni delle agenzie governative.

Nonostante quelli a favore della net neutrality confermino (e sarebbe difficile dire il contrario…) che questo sia un passo verso il suo ripristino, il cammino per raggiungere l’obiettivo è lungo e tortuoso. Affinché la net neutrality venga ripristinata, dovrebbero accadere due cose: la Camera dei rappresentati deve sfruttare il CRA per ribaltare la regolamentazione. Al posto di 30 firme, quelli a favore della net neutrality dovrebbero raccogliere firme dalla maggioranza dei membri della Camera. E anche con tutti i Democratici a favore – cosa non successa – dovrebbero ottenere il supporto di almeno 22 Repubblicani. E infine, se ciò dovesse verificarsi, il via libera per il ripristino della net neutrality dovrebbe passare per il Presidente Donald Trump.

Il rovesciamento delle protezioni Net Neutrality classifica i provider come “fornitori di servizi d’informazione”, come prima dell’avvento della Net Neutrality nel 2015. Coloro che si oppongono a tale regolamentazione ritengono che questa possa rallentare la velocità di Internet, o bloccare completamente l’accesso a siti Internet che i singoli provider ritengono competitor.

Apple ha commentato lo scorso anno la questione, affermando che la regolamentazione “cambia radicalmente il concetto di Internet come lo conosciamo”, un danno per i consumatori, la sana competizione, e l’innovazione.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.