Notizie

“Apple ha acquistato Lala per le persone che ci lavorano”, secondo l’ex CEO

Bill Ngyuen, in una breve intervista video rilasciato a Fortune, ha dichiarato che Apple ha acquistato la sua compagnia “per le persone” che ci lavorano e non per introdurre un servizio di streaming musicale cloud o per altri asset posseduti da Lala.

Nonostante i tanti rumors dei mesi passati, sembra che l’azienda di Cupertino non abbia in programma l’introduzione di un nuovo servizio musicale cloud per i propri dispositivi mobili. La motivazione che starebbe dietro l’acquisto di Lala è diversa. Dipenderebbe infatti dalle persone che ci lavorano.

Questa è la conclusione a cui è giunto Bill Ngyuen, ex CEO dell’azienda, secondo il quale Apple invece di creare i propri server, sta rifornendo l’hardware e il software necessario alle varie Pandora, Netflix e co. per pemettere a quest’ultime di fare ciò che attualmente Lala fa. Ossia garantire agli utenti l’accesso ai propri contenuti ovunque essi siano e con qualsiasi dispositivo.

Si tratta di una novità molto interessante, anche se è bene sottolineare che non è una notizia ufficiale ma la semplice supposizione di una persona. Tuttavia se la realtà fosse questa, significherebbe che Apple sta già facendo quello che aveva in mente di fare con Lala e che quindi non ci saranno delle novità rilevanti.

Il data center in North Carolina è prossimo all’apertura, e tra poco scopriremo se l’obiettivo di Apple è semplicemente quello di usare il know how di Lala per aiutare atre aziende ad avere successo su App Store o se invece le indiscrezioni dei mesi passati erano vere e vedremo un nuovo MobileMe.

 

Via | TUAW

 

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!