Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

ConcorrenzaiPhone

Ecco i principali motivi che spingono gli utenti Android a passare ad iPhone, secondo un sondaggio

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Solitamente, durante le conferenze sui risultati finanziari, il CEO di Apple Tim Cook parla della crescita degli utenti iPhone, citando ovviamente anche quelli che provengono da smartphone Android. Un nuovo sondaggio di PCMag ci consente di approfondire l’argomento, cercando di svelare quali siano i motivi principali che portano gli utenti a passare da Android ad iOS e viceversa.

Stando ad un sondaggio a cui hanno partecipato 2,500 cittadini statunitensi, il 29% di questi ha affermato di aver cambiato sistema operativo per dispositivi mobili. L’11% di questa fetta è passato da iOS ad Android, mentre il 18% il contrario. Il principale motivo per lo switch, secondo il sondaggio? Il prezzo!

La maggioranza degli utenti smartphone che hanno cambiato sistema operativo – il 18% – è passato da Android ad iOS. Solo l’11% ha fatto il contrario. (Non abbiamo chiesto di Windows Phone o BlackBerry). Ovviamente, il restante 71% non ha cambiato OS.

Il 29% degli utenti che è passato da iOS ad Android (11%) ha dichiarato che la decisione è stata presa per “il prezzo migliore”, mentre l’11% di coloro che sono passati da Android ad iOS hanno dichiarato la medesima cosa. Invece, il 6% degli switcher da iOS ad Android ha affermato che il motivo principale di tale cambiamento è la quantità di app disponibili sul sistema operativo di Google.

L’unica area in cui Android ha raggiunto una percentuale maggiore riguarda il servizio clienti. Il 5% di coloro che sono passati da iOS ad Android ha infatti citato “un miglior servizio clienti” come motivo principale, il 3% invece per l’opposto.

Inoltre, il 47% degli utenti che sono passati da Android ad iOS ha confermato di averlo fatto per “una migliore esperienza utente”. Il 30% ha abbandonato iOS per la stessa ragione. Il passaggio al sistema operativo di Apple è dovuto anche “a migliori funzionalità” come fotocamera e design, così come più rapidi aggiornamenti software (e su questo proprio non c’è paragone con Android).

Altre informazioni emerse dal sondaggio: quando abbiamo chiesto alle persone che hanno cambiato sistema operativo o che stanno prendendo in considerazione l’idea di farlo, la maggior parte ha affermato di non essere interessata al lancio di un nuovo smartphone (56%). Il 34% acquista un nuovo smartphone appena lanciato sul mercato quando termina il contratto, mentre il 17% quando rompe il display dell’attuale dispositivo. Infatti, quando ai partecipanti al sondaggio è stato chiesto quanto spesso cambiano il loro dispositivo, più della metà (53%) ha confermato di farlo quando lo smartphone si rompe.

Voi siete passati da Android ad iOS, o viceversa? Quali sono i motivi che vi hanno spinto a cambiare OS/smartphone? Dite la vostra nei commenti.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.