Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

HomeKitNews

Apple, Amazon, Google e Zigbee Alliance sviluppano uno standard aperto per la domotica


Il progetto Connected Home over IP punta a semplificare lo sviluppo per i produttori di dispositivi e ad aumentare la compatibilità per i consumatori

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Apple, Amazon, Google e Zigbee Alliance hanno annunciato un nuovo gruppo di lavoro che prevede di sviluppare e promuovere l’adozione un nuovo standard di connettività privo di royalty per aumentare la compatibilità fra i prodotti di domotica, con particolare attenzione a una maggiore compatibilità, sicurezza e sviluppo semplificato per produttori.

Anche le società membri del consiglio di amministrazione di Zigbee Alliance come IKEA, Legrand, NXP Semiconductors, Resideo, SmartThings, Schneider Electric, Signify, Silicon Labs, Somfy e Wulian contribuiranno al progetto.

domotica

Il cosiddetto “Progetto Connected Home over IP” mira a rendere più semplice per i produttori di dispositivi la creazione di dispositivi compatibili con i servizi di casa e assistenti intelligenti come Siri, Alexa, Google Assistant e altri, definendo un set specifico di IP- tecnologie di rete basate sulla certificazione dei dispositivi.

Il nuovo standard includerà le tecnologie di casa intelligente esistenti, come HomeKit di Apple e Weave and Thread di Google:

Stiamo contribuendo con due delle nostre tecnologie smart home testate sul mercato e open source, Weave e Thread. Entrambi sono costruiti su IP e sono stati integrati in milioni di case in tutto il mondo. Weave, un protocollo applicativo, funziona su molte reti come Thread, Wi-Fi, Bluetooth Low Energy e persino cellulare. Anche quando i dispositivi si trovano su reti diverse, Weave consente a tutti di lavorare in modo sicuro tra loro.

Il nuovo standard di connettività sarà open source e privo di royalty, con codice da mantenere su GitHub. Il gruppo di lavoro ha l’obiettivo di pubblicare una bozza di specifica e un’implementazione di riferimento preliminare alla fine del 2020.

Per i consumatori, ciò dovrebbe portare a accessori per la casa intelligenti che supportano più piattaforme come HomeKit e Alexa.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.