Notizie

Molte etichette sulla privacy sull’App Store sono “fuorvianti o del tutto false”

Secondo quanto riferito, molte etichette sulla privacy dichiarano il falso.

Il mese scorso, Apple ha introdotto le etichette sulla privacy sull’App Store, fornendo agli utenti un’ampia panoramica dei tipi di dati che un’app potrebbe raccogliere e se le informazioni vengono utilizzate per tracciarle o sono collegate alla loro identità o dispositivo.

Negli ultimi giorni, Geoffrey A. Fowler del Washington Post ha fatto un controllo a campione e ha scoperto “più di una dozzina” di app con etichette sulla privacy “fuorvianti o addirittura false”.

Una di queste app era un gioco chiamato “Satisfying Slime Simulator”, che secondo Fowler inviava l’identificativo pubblicitario del suo iPhone e altre informazioni sul dispositivo ad aziende come Facebook, Google e Unity, nonostante l’etichetta sulla privacy che indicava “Nessun dato raccolto”.

Successivamente, il giornalista ha scoperto che diverse altre app, tra cui Rumble, Maps.me, FunDo Pro e il famoso Match 3D, inviavano l’ID del suo smartphone – che poteva essere utilizzato per rintracciarlo – a più di una dozzina di società diverse, nonostante avessero un’etichetta che affermava che richiedevano solo “dati non collegati a te”.

In risposta al rapporto, Apple ha affermato che “conduce controlli di routine delle informazioni fornite” e lavora con gli sviluppatori per correggere eventuali inesattezze, aggiungendo che “le app che non riescono a divulgare le informazioni sulla privacy in modo accurato potrebbero vedersi rifiutare gli aggiornamenti futuri delle app o, in alcuni casi, essere rimosse completamente dall’App Store.”

Questo problema sarà parzialmente risolto dall’imminente applicazione da parte di Apple di una misura sulla privacy che chiama App Tracking Transparency. A partire dalle prossime beta di iOS 14, iPadOS 14 e tvOS 14, agli sviluppatori sarà richiesto di ottenere l’autorizzazione di un utente per monitorare la propria attività su altre app e siti Web e accedere all’identificatore pubblicitario casuale del proprio dispositivo, noto come Identifier for Advertisers (IDFA ).

Apple ha affermato che, a livello di software, App Tracking Transparency impedirà agli sviluppatori di accedere all’IDFA di un utente a meno che non concedano l’autorizzazione, impedendo a un’app di monitorare silenziosamente la propria attività. Tuttavia, ci sono ancora altri modi in cui le app possono tracciare gli utenti, quindi l’accuratezza delle etichette sulla privacy non sarà comunque garantita.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!