Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

I segreti di Apple raccontati da Fortune
Curiosità

I segreti di Apple raccontati da Fortune 

E’ di qualche ora fa un interessantissimo articolo di Fortune nel quale Adam Lashinsky, grazie a centinaia di interviste realizzate con ex dipendenti Apple, racconta interessanti vicende riguardo Apple e soprattutto la personalità di Steve Jobs. Leggiamone assieme alcuni spezzoni.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Nell’articolo troviamo interessanti aneddoti che tendono soprattutto a spiegare la personalità di Jobs, anche nei momenti di difficoltà. Molti di voi ricorderanno il fallimentare passaggio da .Mac a MobileMe: nonostante il nuovo servizio fosse stato lanciato in puro stile Apple, in realtà nei primi mesi ha avuto non pochi problemi, soprattuto relativi ai server lenti ed ai problemi di sincronizzazione. Per risolvere la questione, Steve Jobs riunì tutti i dipendenti presso la Town Hall al 4 di Infinite Loop, chiedendo semplicemente “Qualcuno può spiegarmi cosa dovrebbe fare MobileMe?” e, dopo aver avuto una risposta soddisfacente ha continuato dicendo “E allora perchè c***o non è cosi?”.

In realtà il problema principale per Jobs era il danno all’immagine che aveva subito l’azienda, al punto tale da dire che Mossberg (giornalista del Wall Street Journal), nostro amico, non sta più scrivendo cose buone su di noi.

Inutile starvi a dire come si sono evolute le cose per MobileMe nel corso degli anni successivi: il servizio è diventato efficiente al 100% e si vocifera che a breve si espanderà, introducendo iCloud.

Lashinsky parla anche del discorso che Jobs fa ad ogni nuovo vice presidente in azienda, che l’autore dell’articolo definisce come La differenza tra l’inserviente ed il Vice PresidenteJobs – scrive Lashinsky – suppone che la spazzatura non venga svuotata regolarmente nel suo studio e quando chiede all’addetto alle pulizie una spiegazione, lui trova una scusa. Si tratta di una scusa accettabile da parte di qualcuno che svuota i cestini per guadagnarsi da vivere. L’addetto alle pulizie può arrivare a spiegare perché qualcosa è andato storto. I Senior no perchè quando sei l’addetto alle pulizie i motivi importano. Da qualche parte tra l’addetto delle pulizie e il CEO, le ragioni smettono di avere importanza. E la linea viene attraversata quando si diventa Vide Presidenti.

Questi ed altri interessantissimi aneddoti sono contenuti nell’articolo di Fortune, che potrete leggere semplicemente scaricando l’applicazione tramite l’AppStore Statunitense, cliccando qui.

via | MacStories

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.