Notizie

La GPU di M1 Max supera la AMD Radeon Pro W6900X da 6900€

Nuovi benchmark mostrano la potenza della GPU del chip M1 Max.

Un nuovo test di benchmark eseguito con lo strumento di Affinity mostra che la GPU dell’M1 Max batte l’AMD Radeon Pro W6900X da 6000 $ in alcune attività.

PUBBLICITÀ

I test sono stati condotti da Andy Somerfield, sviluppatore del popolare editor di immagini Affinity Photo. In un thread su Twitter, Somerfield spiega in dettaglio come il team Affinity ha ottimizzato il suo software per i chip Apple Silicon sin dalla prima versione del software per iPad e fino a che punto sono arrivate le prestazioni di questi chip con l’ultimo MacBook Pro.

Poiché un singolo benchmark non indica necessariamente la velocità di una GPU, Affinity ha sviluppato un proprio strumento per misurare le prestazioni delle attività relative alle sue app come Affinity Photo e Affinity Designer.

Ad esempio, lo sviluppatore spiega che Affinity Photo funziona al meglio con una GPU con prestazioni di calcolo elevate, larghezza di banda su chip veloce e trasferimento veloce.

La GPU più veloce che il team di Affinity abbia mai testato nel suo strumento di benchmark è stata la costosa AMD Radeon Pro W6900X, che Apple vende per 6000 dollari (6.900€) come modulo MPX per Mac Pro.

La Radeon Pro W6900X ha 32 GB di memoria GDDR6 e offre fino a 512 GB/s di larghezza di banda della memoria. Nonostante ciò, è stata superata dalla GPU di M1 Max di Apple con 32 core e 400 GB/s di memoria a larghezza di banda unificata.

Nel test “Raster (Single GPU)”, la GPU di Apple ha ottenuto 32891, mentre la GPU di AMD 32580 punti.

Ovviamente, come spiega lo sviluppatore, questo non significa che la GPU M1 Max funzionerà meglio in ogni attività. Ma mostra sicuramente quanta potenza abbiano i chip Apple e anche che possono essere migliori per l’editing delle immagini rispetto a una GPU dedicata di fascia alta.

PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button