Anche se noi personalmente non abbiamo concentrato più di tanto la nostra attenzione su questo nuovo dispositivo, Asus ha saputo catalizzare a suo modo l’attenzione sul Padfone, stuzzicando la curiosità e l’interesse di molti accorsi a Taipei per il Computex. La redazione di Engadget non si è fatta scappare una occasione così ghiotta, realizzando il primo hands-on di quello che è il prototipo più chiacchierato del momento.

Pare che il sistema operativo che girerà su questo curioso tablet in arrivo nel periodo natalizio, sarà Ice Cream Sandwich, avvalorato da un’importante dettaglio: il tablet di per sé è “inanimato” senza il suo simbiontico smartphone a corredo. Esso serve solo ad aumentare l’autonomia del telefono grazie alla sua batteria e ad estenderne le caratteristiche di I/O e multimediali, con porte di comunicazione aggiuntive, l’ampio display e gli speaker stereo.

Asus ha anche suggerito che ci saranno altre funzioni rese possibili grazie al tablet, ma su quali queste siano vige per ora il riserbo.

Tra le varie domande poste al CEO Benson Lin di Asus, c’è anche chi ha chiesto se ci sarà compatibilità tra il display-dock e la futura generazione di telefoni, ma in merito non sono giunte conferme né smentite. Asus ha però detto che l’interfaccia utente del Padfone sarà più o meno la stessa della sua seconda generazione di tablet Android.

E adesso facciamo spazio al video dell’hands-on di Engadget:

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

" />

Ecco ancora qualche immagine di quel che sarà lo smartphone che andrà ad incastonarsi nel tablet:

 

Voi quanto paghereste per portarvi a casa il primo PadFone della storia?

Via | Engadget