Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple cambia idea e modifica nuovamente le regole per la sottoscrizione di abbonamenti in app!
Notizie

Apple cambia idea e modifica nuovamente le regole per la sottoscrizione di abbonamenti in app! 

Pochi giorni fa la società californiana ha modificato le linee guida per il suo store online, riducendo sensibilmente le caratteristiche che un’app, volta alla diffusione di contenuti, deve rispettare. Si tratta di un vero e proprio ripensamento rispetto alla strategia implementata qualche mese fa e che aveva provocato non pochi malumori tra gli editori.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Le apps possono leggere ed eseguire contenuti approvati (nello specifico riviste, quotidiani, libri, audio, musica e video) che vengono sottoscritti o acquistati al di fuori dell’applicazione stessa, a patto che non ci sia alcuna opzione o link esterno per acquistare il contenuto in questione. Apple non riceverà alcuna percentuale sui ricavi per contenuti che vengono acquistati o per cui vengono sottoscritti abbonamenti al di fuori dell’app.

Come possiamo ben capire dal testo di questo articolo, estratto dal regolamento Apple, a Cupertino hanno deciso di garantire una maggiore libertà agli editori, che da questo momento in poi potranno dunque liberamente vendere i loro contenuti anche attraverso canali esterni all’App Store. Il tutto senza andare in contro ad esclusioni o a costi aggiuntivi, rappresentati da percentuali da garantire ad Apple.

Ampia libertà verrà anche data sul prezzo di vendita, che potrà essere liberamente stabilito dall’editore in base alle esigenze specifiche del caso. L’unica condizione, comprensibile tra l’altro, è che all’interno dell’app non vi sia alcun tipo di opzione che rimandi a siti esterni, per effettuare l’acquisto.

Sebbene, ufficialmente, non si conoscano le ragioni di questo ripensamento, è facile immaginare che gli editori avranno esercitato delle forti pressioni su Apple, in considerazione del 30% che viene pagato alla stessa per ogni vendita generata all’interno dell’App Store.

Possiamo dunque considerare conclusa la vicenda?

Via | MacStories

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.