Notizie

Gli utenti Apple sono più fedeli di quelli Android

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Chi possiede un iPhone o un iPad, difficilmente accetterebbe di cambiare dispositivo in favore di un altro dispositivo. La società di Cupertino è riuscita infatti a fidelizzare gli utenti come nessun altro produttore di dispositivi digitali.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Coloro che sono in possesso di un iPhone sono più fedeli di quanto lo siano gli utenti Android: questo è quanto emerge da una ricerca effettuata da GfK relativa alla fedeltà degli utenti verso il produttore dello smartphone di cui sono attualmente in possesso, classificando Apple in testa davanti ad Android e RIM. Sembrerebbe, infatti, che l’84% degli utenti in possesso di un iPhone rimarranno fedeli al brand acquistando un nuovo modello in caso vi sia la necessità di cambiare telefono, mentre sembrerebbe valere altrettanto solamente per il 60% degli utenti che utilizzano Android. A rimanere indietro è stata, purtroppo non inaspettatamente, RIM con il 48% dei propri utenti intenzionati a rimanere con un BlackBerry.

Lo studio sulla user experience nell’ecosistema digitale è stato condotto su un campione di circa 4.500 utenti in 9 paesi (Brasile, Cina, Francia, Germania, Giappone, Italia, Spagna, Regno Unito e Usa) e ha rilevato che  la fedeltà al brand aumenta principalmente in base alla semplicità di utilizzo e al numero di servizi e app disponibili sul dispositivo. Il picco di fedeltà si raggiunge quando si utilizzano sette o più servizi sul dispositivo. La semplicità di accesso alle applicazioni e del menu è il fattore determinante per la gran parte degli utenti che, cambiando dispositivo, temono anche di perdere tutto il loro archivio di foto, musica, video e contenuti vari.

Sempre secondo lo studio inoltre, mentre per il 19% degli utenti in possesso sia di un iPhone che di un iPad sarebbe più facile cambiare conto in banca piuttosto che piattaforma, un eventuale passaggio di marchio sarebbe meno probabile tante più saranno le funzionalità e le applicazioni utilizzate sull’attuale dispositivo. Proprio in riferimento a quest’ultima informazione è importante ricordare come possano risultare fondamentali le oltre 500,000 applicazioni offerte da Apple con il proprio App Store, rappresentando un vero e proprio punto di forza in grado di fare la differenza rispetto ai competitors.

Conquista, insomma, la fedeltà degli acquirenti chi riesce a offrire agli utenti un’esperienza di utilizzo semplice e la possibilità di accedere ai contenuti da più dispositivi. Uno stato di cose che al momento premia Apple ma che potrebbe vedere imporsi a breve anche Microsoft, che lancerà a breveWindows 8, un sistema operativo comune a Pc, smartphone e tablet.

via| 9to5Mac

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.