Uno studio di Crittercism rivela interessanti notizie sui crash delle App di iOS e Android

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Crittercism ha condotto un interessante studio, comparando i crash che affliggono le App di iOS e Android. A quanto pare il sistema made in Cupertino sarebbe maggiormente afflitto rispetto al sistema Google.

 

Dal confronto effettuato emergerebbe che le applicazioni sviluppate per iOS siano meno stabili delle versioni per Android. Ma è proprio così? Analizziamo i dati prodotti.

Il test è stato effettuato nei primi tre quarti delle applicazioni più scaricate, inoltre i ricercatori hanno constatato che paragonando titoli meno popolari il distacco di crash tra i due sistemi operativi diminuiva, anche se il numero di crash rimaneva alto.

Altro dato interessante è che circa tre quarti (74.4%) dei crash su iOS sono stati registrati su iPhone, meglio iPod con il 14,9% e iPad con il 10,7%. Questi dati porterebbero a pensare seriamente che iOS sia meno stabile di Android.

Un ulteriore confronto prodotto dalla ricerca, da non sottovalutare, ha rivelato che circa il 26,6% di tutte le app crashate e il 33,9% dei dispositivi, utilizzavano iOS 5.0.1, una release che era uscita da meno di un mese. I sviluppatori avrebbero avuto poco tempo per aggiornare le proprie applicazioni e renderle compatibili.

Probabilmente anche Android 4.0 e il Galaxy Nexus effettuando il test subito dopo la loro uscita avrebbero incontrato lo stesso problema. Crittercism ha detto, inoltre, che la versione con più crash è stata Android 2.3.3.

Altro punto a favore per Google è quello che in caso di bug lo sviluppatore può rilasciare un aggiornamento immediato della propria App nel Market, mentre Apple ha un processo di approvazione che generalmente richiede circa una settimana.

Via | Electronista

Crittercism ha condotto un interessante studio, comparando i crash che affliggono le App di iOS e Android. A quanto pare…

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Se questo articolo ti è piaciuto, seguici su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter e su Instagram, pronti a sorprenderti con belle foto. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.