Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Il Congresso degli Stati Uniti richiede informazioni sulla privacy ad Apple e agli sviluppatori
Notizie

Il Congresso degli Stati Uniti richiede informazioni sulla privacy ad Apple e agli sviluppatori 

Ad Apple e a 33 aziende che sviluppano applicazioni per App Store, è stato chiesto oggi da un paio di membri del Congresso degli Stati Uniti, informazioni riguardo la raccolta e l’uso dei dati degli utenti.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

La richiesta avanzata oggi da Henry Waxman e GK Butterfield, comprende anche una lettera indirizzata all’amministratore delegato di Apple Tim Cook per l’applicazione “Find My Friends”. Le lettere sono state rivolte anche a Mark Zuckerberg di Facebook, Dick Costolo di Twitter, Jeff Weiner di Linkedln, Alexander Ljung di SoundCloud, Dennis Crowley di Foursquare e Bill Chasen di Turntable.fm.

Le aziende sono in discussione a causa delle recenti violazioni della privacy da parte di altre applicazioni, che accedevano alla rubrica memorizzata sul dispositivo dell’utente. I parlamentari desiderano quindi cercare di fare luce su come tali grandi compagnie gesticono la raccolta di informazioni e le comunicazioni con gli utenti.

Gli sviluppatori chiamati in causa nell’inchiesta sono stati selezionati perché il loro software è stato trovato nella sottocategoria “Social Networking” della categoria ” Essentials iPhone” delle applicazioni presenti in App Store. Alla lista si aggiunge anche lo sviluppatore Dave Morin di Path, la società che probabilmente ha dato il via alla polemica sulla gestione della privacy in iOS. Path è finita infatti sotto l’occhio dei riflettori a seguito della scoperta di una funzione nascosta di upload di dati personali, all’insaputa dell’utente, su alcuni server del social newtork,

Apple stessa prese le distanze dalla polemica, affermando che le applicazioni che raccolgono e trasmettono dati personali senza la previa autorizzazione dell’utente, violano le linee di sviluppo imposte dall’azienda. Apple decise quindi di integrare l’approvazione esplicita dell’utente prima che l’App usasse i dati presenti sul dispositivo.

Via | AppleInsider

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.