Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Mavericks si comporta in modo diverso se l’utente è seduto davanti la scrivania o si allontana
Mac

Mavericks si comporta in modo diverso se l’utente è seduto davanti la scrivania o si allontana 

Apple ha sempre affermato che Mavericks è un sistema operativo alquanto intelligente. L’ultima rivelazione a riguardo svela che il nostro Mac riesce a capire se siamo ancora seduti di fronte ad esso oppure siamo via, magari prendendoci 5 minuti di pausa dal lavoro. Questa informazione servirà per cambiare il comportamento del sistema.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

MacBook-Pro-with-OS-X-Mavericks-640x393

Le abilità di disattivare l’hard disk, spegnere il display e andare in modalità sleep sono ormai proprie di Mac OS X da tempo. Tutte queste accortezze servono per ridurre al minimo il consumo delle risorse quando non stiamo utilizzando il nostro Mac. Fin ora il Mac prendeva questi provvedimenti basandosi solo sui movimenti del mouse e l’utilizzo della tastiera.

E’ stato scoperto che Mavericks utilizza anche il sensore di luce ambientale, incorporato nei MacBook Pro e negli iMac, per capire se siamo di fronte al computer oppure no. Il compito del sensore è quello di virare automaticamente la luminosità del display e della tastiera a seconda della luminosità ambientale. Quando è giorno ad esempio le luci della tastiera sono spente e si accendono quando fa buio; il contrario avviene con la luminosità del display che diminuisce se la luminosità ambientale diminuisce.

Il sensore in pratica rileva anche i cambiamenti di luminosità dovuti agli spostamenti della testa o ad i movimenti della persona che sta utilizzando il computer. Di fatto se siamo davanti al Mac non si attiverà mai la modalità sleep. Inizialmente si sospettava che questo comportamento fosse dovuto alla camera iSight che “spiava” l’utente. Alcuni test hanno invece dimostrato che è il sensore di luminosità, come precedentemente detto, a fare “il lavoro sporco”.

Via | AppleInsider

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.