Notizie

I primi smartphone Android a 64-bit arriveranno per Natale. Anche ARM costretta a rincorrere Apple

Qualche giorno fa vi avevamo parlato di una riconcorsa da parte dei produttori di processori per smartphone verso i 64-bit, introdotti da Apple con l’iPhone 5S spiazzando il mercato e cogliendolo del tutto impreparato.

apple-a7

Molte aziende non hanno nascosto il fatto che un processore simile su uno smartphone rappresenta un’assoluta novità che arrivava in un momento del tutto inaspettato. Apple è stata molto brava a costruire autonomamente il chip A7, in grado di conferire una grande potenza allo smartphone che lo utilizza, tanto da superare addirittura il nuovissimo Galaxy S5 in diversi test.

A seguito dell’annuncio dell’iPhone 5S, sono stati tanti i produttori che desideravano realizzare smartphone con un’architettura a 64-bit e l’industria era impreparata ad una simile richiesta, non riuscendo ancora a realizzare processori simili. Oggi Tom Lantzsch, Vice President Corporate Strategy di ARM ha fatto sapere che secondo le proprie stime i primi smartphone Android con processore a 64-bit arriveranno in commercio non prima della fine dell’anno, verso Natale.

Il processore più richiesto all’azienda, in questo periodo, è proprio l’ARM Cortex A53 con l’architettura a 64-bit. ARM ha dovuto accelerare il processo produttivo per non perdere troppi clienti che potrebbero rivolgersi a Qualcomm che ha avviato la produzione dello stesso tipo di chip. Insomma Apple ha svolto il ruolo di pioniere del mercato, anticipando tutti e si è assicurata oltre un anno di vantaggio sulla concorrenza.

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!