Con il rilascio di iOS 8.1 Apple ha ufficialmente introdotto Apple Pay, il nuovo sistema di pagamento, al momento disponibile solo negli Stati Uniti, che sfrutta il Touch ID e che permette quindi di effettuare acquisti direttamente da iPhone e, con alcuni limiti, da iPad.

Apple-Pay

Apple Pay è il nuovo sistema di pagamento che, dopo aver aggiunto una carta di credito o di debito a Passbook, sfrutta la tecnologia Touch ID per i pagamenti. E’ quindi possibile effettuare acquisti nei punti vendita e nelle applicazioni compatibili senza usare la carta di credito o inserirne i dettagli o i dati di spedizione.

IMG_4239 IMG_4240 IMG_4242

Al momento il servizio è disponibile solo negli Stati Uniti e supporta le carte di credito, e debito, di importanti circuiti, come American Express, Mastercard Visa. Molte sono le applicazioni che hanno già aderito al nuovo sistema introdotto dalla società californiana:

Icona applicazione Airbnb

Airbnb

Airbnb, Inc.
Gratis
Icona applicazione Fancy

Fancy

Thing Daemon, Inc.
Gratis
Icona applicazione Groupon

Groupon

Groupon, Inc.
Gratis
Icona applicazione Houzz

Houzz

Houzz Inc.
Gratis
Icona applicazione MLB At Bat

MLB At Bat

Major League Baseball Advanced Media
Gratis

Ecco altre app che hanno aderito ad Apple Pay ma che non sono disponibili nell’App Store italiano:

  • Chairish
  • Disney Store
  • Instacart
  • Lyft
  • Pandera Bread
  • Spring
  • Stables
  • Target
  • Tickets.com

Sfruttando Apple Pay, queste applicazioni saranno in grado di accedere automaticamente alle carte di credito registrate da un utente sul proprio iPhone 6 o iPhone 6 Plus tramite l’applicazione Passbook. Il sistema di pagamento ideato dalla società di Cupertino utilizza il chip NFC di cui è fornita l’ultima generazione di iPhone. Tramite i nuovi iPad Air 2 e iPad Mini 3, invece, sarà possibile effettuare solo acquisiti nelle app e non per i prodotti degli store fisici, dato che dispongono solo del Touch ID, e non del modulo NFC.