iPadiPhoneNotizie

“Apple’s Broken Promises” il documentario BBC sulle fabbriche che producono iPhone

Le condizioni di lavoro degli operai all’interno delle fabbriche partner di Apple sono sempre state sulla bocca del web. Probabilmente al fine di sfatare o confermare questi miti, Richard Bilton di BBC Panorama ha girato un documentario intitolato “Apple’s Broken Promises” in cui i reporter viaggiano all’interno delle fabbriche di assemblaggio cinesi e gli impianti di estrazione mineraria in Indonesia.

apple's broken promises

Il documentario è pubblicizzato in modo molto forte contrapponendo il successo dei prodotti di Cupertino e le condizioni dei lavoratori nelle fabbriche “quando il mondo non guarda”. Tra le vicende di maggiore impatto vi è il viaggio di Bilton all’interno di una delle più pericolose fabbriche di estrazione al mondo, in Indonesia, dove trova bambini all’opera nell’estrazione dello stagno.

Apple’s Broken Promises verrà trasmesso il 18 Dicembre alle 21 (ora di Londra) su BBC One e sarà poi disponibile alla visione online per il pubblico della Gran Bretagna. Non si esclude però che in seguito anche il pubblico del resto del mondo possa beneficiare della visione attraverso il portale BBC World News.

Nonostante il documentario metta sotto i riflettori condizioni di lavoro impensabili e lo sfruttamento del lavoro minorile, Apple non solo si professa sempre molto attiva in questo campo, ma collabora con diversi enti per la promozione e la diffusione a terzi dei principi etici da adottare sul lavoro. Da qui il titolo “Le promesse infrante di Apple”

Via | BBC

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!