Notizie

Rubate le credenziali di più di 272 milioni di account email, tra cui Gmail, Yahoo e Microsoft

Un nuovo rapporto rivela che degli hacker russi hanno ottenuto le credenziali d’accesso di più di 272.3 milioni di account di posta elettronica, che sono ora disponibili per la vendita nelle reti criminali in Russia. Molti di questi sono account Mail.ru, ma nell’elenco sono presenti anche account Google, Yahoo e Microsoft.

emailhacker

La scoperta arriva da Hold Security, con Reuters che riporta che si tratta di uno dei più grandi furti di account scoperti dopo gli attacchi informatici che hanno colpito le banche negli Stati Uniti nel 2014.

I ricercatori della società hanno scoperto il tutto per puro caso, dopo aver scovato un giovane hacker russo su un forum. Questo si vantava di aver rubato, con l’intenzione di venderle, un gran numero di credenziali.

Alex Holden, fondatore della società di sicurezza, ha dichiarato di aver scoperto il furto di ben 57 milioni di account Mail.ru. Oltre a questi, decine di milioni di credenziali da Gmail (24 milioni), Microsoft (33 milioni), e Yahoo (40 milioni), e centinaia di migliaia di account di posta elettronica di servizi tedeschi e cinesi.

Molte credenziali appartengono a dipendenti delle più grandi banche degli Stati Uniti e di importanti società che si occupano di vendita al dettaglio, ha rivelato l’azienda.

La Hold Security ha ovviamente già contattato le società colpite. L’aspetto più preoccupante è che non è stato ancora scoperto il modo in cui questi hacker sono riusciti a rubare le credenziali.

Via | BGR

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!