Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Yahoo di nuovo nella bufera: il gigante tech ha segretamente spiato le email dei suoi utenti per conto del governo USA
Notizie

Yahoo di nuovo nella bufera: il gigante tech ha segretamente spiato le email dei suoi utenti per conto del governo USA 

Yahoo ha segretamente creato un software per accedere alle email dei suoi utenti per conto delle autorità statunitensi, stando a quanto comunicato da fonti vicine alla questione.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

yahoomail

La redazione di Reuters ha parlato con un ex dipendente di Yahoo, che ha rivelato l’esistenza di un particolare codice, scritto su richiesta del governo USA. Il software ha permesso l’accesso a milioni di account Yahoo Mail ad NSA ed FBI, hanno dichiarato l’ex dipendente e altre quattro persone al corrente dei fatti.

Secondo le fonti, la decisione di Marissa Mayers, Chief Executive di Yahoo, di accettare le direttive degli enti governativi non è stata ben presa da altre figure di spicco della società, come Alex Stamos (Chief Information Security Officier) che nel Giugno del 2015 ha dato le dimissioni.

Non è ancora chiaro che tipo di informazioni Yahoo abbia consegnato alle autorità, e se gli enti dell’intelligence abbiano fatto una richiesta simile ad altri provider email oltre a Yahoo.

Contattato da The Intercept, un portavoce di Apple ha dichiarato che la società non hai mai ricevuto una richiesta come questa, ma che se mai ciò fosse accaduto si sarebbe sicuramente opposta in tribunale. A tal proposito, il portavoce ha citato una parte di una lettera aperta di Tim Cook: “Voglio assolutamente chiarire che non abbiamo mai collaborato con un’ente governativo di qualsiasi paese per creare un backdoor in uno dei nostri prodotti o servizi. Non abbiamo inoltre mai permesso l’accesso ai nostri server. E mai lo faremo“.

Lo stesso discorso vale per Facebook, Google, Microsoft e Twitter, che hanno confermato di non aver mai ricevuto proposte simili.

Via | MacRumors

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.