Dopo una prima fase di beta testing, Google ha finalmente lanciato il nuovo servizio di storage online di Google Documents. Esso ci permette, un po’ come DropBox, di archiviare online qualsiasi tipo di file in maniera semplice e veloce.

Sono supportati tutti i tipi di file, a patto che quest’ultimi non superino i 250MB di dimensioni. Per caricarne uno, infatti, non dovremo fare altro che connetterci al nostro account Google Documents e cliccare il tasto dedicato “Carica”. Possiamo caricare anche file multipli oppure interrompere l’upload per riprendere in un secondo momento. Al termine del caricamento, Google riconoscerà il tipo di file e permetterà di accedervi tramite il servizio dedicato. I documenti possono essere convertiti automaticamente nel formato Google Documents per una migliore visualizzazione.

E’ possibile condividere i file con altri utenti fornendo un semplice link diretto o allegandolo in una mail. Questa novità, secondo alcune voci, potrebbe portare all’avvio di un nuovo servizio di streaming musicale online, con un riferimento ai file audio caricati, oppure ad un collegamento diretto tra YouTube e i video degli utenti Google Documents.

L’introduzione di questo nuovo servizio era fondamentale per Google dato che il suo sistema operativo (Chrome OS) sarà basato completamente sul Web. Restando nel concetto di “nuvola” o “cloud” introdotta con MobileMe di Apple, il nuovo servizio di Google può essere visto esattamente come un iDisk di Apple. Gli utenti possono disporre di 1GB gratuito che successivamente può essere allargato a 20GB con un piccolissimo costo di 5$ (circa 3,50€) all’anno.

Via | MacityNet