Apple

Tim Cook intervistato in Francia, parla di realtà aumentata, intelligenza artificiale, le tasse in Irlanda ed altro ancora

Tim Cook ha concluso il suo Tour in Francia con un’intervista rilasciata al quotidiano Le Figaro, dove ha parlato di Realtà aumentata, intelligenza artificiale, della questione sulle tasse irlandesi e l’apertura di un nuovo Store sugli Champs-Élysées.

PUBBLICITÀ

Il CEO di Apple riesce ad essere sempre particolarmente brillante nelle interviste, fornendo le risposte alle domande che gli vengono poste senza però effettivamente dichiarare nulla di preciso. Le sue risposte sono alquanto vaghe e così, quando gli è stato chiesto dello Store sugli Champs-Élysées, un rumor che i francesi leggono da oltre 6 anni, la risposta è stata: “Stiamo valutando come utilizzare al meglio lo spazio”.

Parlando di lavoro, “Apple continuerà ad investire denaro in Francia. Al momento sono più di 180.000 i posti di lavoro creati dall’azienda”, numeri in cui sono compresi anche gli sviluppatori iOS. Apple ha inoltre acquisito piccole aziende nel Paese anche se non sono state nominate nè sappiamo di cosa si occupassero. “La Francia è sempre stata un posto speciale per Apple, un luogo dove scoprire e parlare con musicisti, grafici, progettisti e fotografi che utilizzano i nostri prodotti. C’è tanta energia creativa in questo Paese”.

Relativamente all’annosa questione delle tasse, i vantaggi ottenuti dall’Irlanda e la multa da 13 miliardi di euro da pagare, Cook ha ribadito quello che ha già dichiarato in precedenza: “Paghiamo le tasse come qualsiasi altra azienda al mondo, non abbiamo mai fatto evasione fiscale nè ricevuto favoritismi.”

Cook ha ribadito anche l’interesse dell’azienda verso la realtà aumentata e l’intelligenza artificiale spiegando che queste due renderanno l’iPhone ancora migliore. Al momento si dice che il mercato degli smartphone sia saturo, e probabilmente è vero, ma Tim non è spaventato da questo: “Guardate cosa è accaduto ai PC: se torniamo agli anni ’90 o ai primi anni del 2000, le vendite erano calate ma poi sono ripartite. Gli smartphone seguono la stessa tendenza, i prodotti innovativi faranno sempre la differenza”.

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button