Smartwatch: perché non li compra ancora nessuno?

Nell’ultimo anno si è diffusa una nuova tipologia di gadget elettronico, i cosiddetti “smartwatch”. Stiamo parlando di quegli orologi, super tecnologici ma anche ingombranti, che funzionano da appendice al proprio smartphone. Ma perché nonostante l’ampia concorrenza gli smartwatch stentano a decollare?

smartwatch2

Nonostante sia un prodotto che, solo a pensarci, è desiderato da tantissimi utenti, ancora nessun produttore è riuscito a coglierne il segreto per un vero successo. Perché?

Ci hanno provato inizialmente con gli italiani di I’m Watch  e poi è arrivato il Pebble. Anche Sony si è cimentata con il suo Smartwatch che ora è giunto addirittura alla sua seconda versione. Infine arriva Samsung, che proprio in questi giorni sta cercando di vendere il suo Galaxy Gear, compatibile solo con Note III e a breve con altri top gamma Galaxy. Ma anche questo non sta riscuotendo un grosso successo.

Galaxy-Gear-006-Set1-Front_Six-530x956

Il motivo principale dello scarso interesse per questo oggetto, condiviso anche da Mashable, è che glismartwatch sono tremendamente brutti. Anche se possono attirare per le caratteristiche “futuristiche” o assomigliare ad un gadget di spionaggio per 007, continuano ad essere ingombranti, poco eleganti e per niente pratici.

La tecnologia attuale non permette ancora di miniaturizzare i componenti a tal punto da avere uno smartwatch sottile e leggero come i comuni orologi da polso. Per non parlare delle batterie che, oltre ad essere voluminose, costringono l’utente a ricaricare l’ennesimo gadget una volta a casa. I display lcd infine non sono adatti per un orologio da polso, a causa della dei limitati angoli di visione.

Probabilmente nei prossimi anni, con la tecnologia che fa passi da gigante, si potranno vedere i primi esemplari di smartphone comodi e leggeri. E chissà, forse per dare una spinta al settore servirà come sempre la mano di Apple, che intanto ha preannunciato un 2014 ricco di nuovi prodotti.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: