Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Intel e Qualcomm si preparano al 5G presentando i nuovi modem che superano il gigabit
MWC 2017

Intel e Qualcomm si preparano al 5G presentando i nuovi modem che superano il gigabit 

Apple e Qualcomm sono ai ferri corti, con una battaglia legale in corso, ma quest’ultima ieri ha presentato un nuovo chip LTE che potrebbe far gola all’azienda di Cupertino.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Si tratta del chip LTE Snapdragon X20 che supera qualunque limite, riuscendo ad assicurare una velocità in download che arriva fino ad 1,2 gigabit al secondo!

Questo chip rende i cellulari potenzialmente più veloci della fibra ottica. Il nuovo modem è fino al 20% più veloce del precedente X16. La velocità massima in upload si aggira sui 150 megabit al secondo.

Anche le chiamate sarebbero in alta qualità sui telefoni dual-SIM. viene inoltre incluso i supporto per la banda 3,5 gigaherz utilizzata da alcuni operatori e l’utilizzo con reti LTE private.

Relativamente alle tempistiche di produzione, il chip X20 sarà disponibile entro la fine della prima metà del 2018. La possibilità di ritrovarlo nel prossimo iPhone non è dunque da scartare, anche perchè Apple ha sempre mantenuto separate le questioni legali con quelle progettuali, come dimostrano i vari accordi commerciali con Samsung.

Per il momento l’iPhone integra un modem Intel, la quale ha recentemente presentato un nuovo chip in grado di raggiungere 1 gigabit al secondo in download e 225 megabit in upload. Si tratta di un modem mobile dai consumi estremamente ridotti, realizzato con un processo produttivo a 14nm. Entrambe le soluzioni verranno mostrate al Mobile World Congress dove uno dei temi principali sarà appunto il 5G.

In Italia si sta da poco diffondendo il 4G quindi si tratta di velocità inimmaginabili per tutti noi, almeno ancora per qualche anno, ma naturalmente questo non può e non deve influire sullo sviluppo della tecnologia.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.