Notizie

Ancora lontani gli accordi tra Apple e gli Editori per il nuovo servizio di sottoscrizione.

Secondo le ultime indiscrezioni, Apple e le case editrici di tutto il mondo sarebbero ancora in alto mare nel trovare un accordo che renda possibile il tanto agognato nuovo servizio di sottoscrizione, con il quale gli utenti potranno scegliere di “acquistare” i quotidiani (o altre applicazioni) tramite una sorta di abbonamento a tempo limitato, che verrà pagato in un’unica soluzione.

La causa di questo divario non indifferente tra Apple e le case editrici risiede nel fatto che gli editori vorrebbero vendere direttamente gli abbonamenti, senza che Apple trattenga una percentuale nel guadagno, e vorrebbero inoltre avere accesso ai dati personali dei clienti.

Attualmente l’offerta di Apple, ormai disponibile da alcuni mesi e che ad oggi nessuna casa editrice ha sottoscritto, avrebbe le seguenti condizioni:

  • gli abbonamenti saranno venduti solo tramite iTunes;
  • le case editrici riceveranno il 70% dei ricavi da ogni vendita;
  • sarà possibile ottenere informazioni parziali sugli utenti (Nome, indirizzo e email) con degli appositi form da compilare ma assolutamente non obbligatori.

Nonostante i rumors comparsi in rete riguardo l’introduzione di questo nuovo servizio di sottoscrizione con il nuovo iOS 4.3, che dovrebbe essere rilasciato entro Natale, c’è da dire che effettivamente le trattative sono ancora in alto mare e che (forse) qualora non dovesse essere trovato un rapido accordo sarà tutto rimandato.

via | allthingsdigital

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!