Notizie

Le vendite di musica sull’iTunes Store sono diminuite del 5%

Nonostante l’azienda di Cupertino sia ancora la numero uno nella settore della musica online, le vendite si sono ridotte del 5%. Il trend sembra essere lo stesso per l’interno mercato. In futuro ci sarà forse più spazio per i video?

Ci eravamo lasciati con le vendite da parte di Apple, derivanti dalla musica digitale, in aumento dell‘1,6%. Nell’ultimo trimestre invece la situazione sembra essersi letteralmente capovolta con una riduzione del 5%. Risultati ancora peggiori per Warner Music Group, le cui vendite sono in caduta libera ( -14%). Per Apple, la prossima mossa sembra quindi essere il Video digitale, visto che da una recente ricerca risulta che al momento Cupertino controlla il 65% delle vendite totali.

L’iTunes di Apple è ancora il leader incontrastato del settore delle vendite di contenuti digitali tramite Internet, rappresentando il 64,5% del mercato, e mettendo dietro di se competitors del calibro di Microsoft, Amazon, Sony e Wal-Mart. L’introduzione dell’iPad e l’aggiornamento della Aplpe TV potrebbero aiutare la “Mela Morsicata” a mantenere il proprio dominio sul mercato.

Si annuncia dunque un’altra importante trasformazione per il settore della musica, con Apple pronta ad assumersi un ruolo di primo piano nel favorire il passaggio dai brani musicali ai video. Vedremo se ancora una volta la banda di Steve Jobs sarà in grado di realizzare un’altra trasformazioni in grado di salvare, ancora una volta, il settore della Musica.

Via | CultofMac

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!