Un primo sguardo da San Jose del nuovo iMac Pro, svelato in anteprima da Apple durante il keynote della WWDC17. In aggiunta, la società di Cupertino ha confermato che la RAM non potrà essere sostituita.

Tante, ma davvero tante, le novità presentate da Apple nel corso del keynote d’apertura della WWDC17. Oltre alle nuove versioni dei sistemi operativi, il colosso di Cupertino ha presentato anche nuovi hardware, tra cui spicca senza alcun dubbio l’iMac Pro, non a caso “il Mac più potente di sempre“. Apple non aveva intenzione di permettere ai giornalisti presenti all’evento di guardare da vicino il nuovo iMac, ma a quanto pare qualche fortunato ci è riuscito.

iMac Pro

Il nuovo iMac Pro, mostrato “solo” in anteprima da Apple, rappresenta un prodotto di classe workstation completamente nuovo, creato per garantire ottime prestazioni durante i flussi di lavoro più complessi. Le caratteristiche parlano chiaro: la macchina dispone di un incredibile Display Retina 5K da ben 27″, può contare su processori Xeon fino a 18-core e su una elaborazione grafica fino a 22 teraflops.

Altra grande novità di iMac Pro riguarda l’estetica. Questo sarà infatti disponibile nell’esclusiva colorazione grigio siderale (così come gli accessori, ndr), attualmente solo per iPhone e iPad. Insomma, un Mac potentissimo ed elegante. Ma sarà possibile sostituire la RAM? Senza alcuna sorpresa, la risposta è “no”. Si tratta di una politica che ormai Apple applica da tempo, e dunque anche in questa occasione non ci aspettavamo un cambio di rotta.

La macchina desktop sarà disponibile al prezzo di $4,999 a partire da Dicembre, e trattandosi di un’anteprima, ieri era difficilmente avvicinabile dai presenti al keynote. Infatti, come probabilmente saprete, l’azienda di Cupertino permette ai giornalisti di provare i nuovi prodotti presentati subito dopo l’evento, ma l’iMac Pro non era incluso tra questi.

I fortunati collegi di 9to5Mac, e pochi altri, hanno potuto osservare da vicino il nuovo iMac Pro. Vi lasciamo dunque al “prezioso” video:

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.