Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

NotizieNotizie Minori

Verizon completa l’acquisizione di Yahoo! per 4,48 miliardi di dollari: nasce Oath

Verizion completa l’acquisizione di Yahoo!, la cui CEO Marissa Mayer si è dimessa. L’operazione porta anche alla nascita di Oath.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

È giunto il momento di dire addio a Yahoo!, Verizon ha infatti portato a termine l’acquisizione per un totale di 4,48 miliardi di dollari. L’operazione porterà alla nascita di Oath, il cui portfolio comprende, giusto per citarne alcune, HuffPost, Tumblr, Yahoo Sports e Yahoo Mail.

yahoo

La conclusione dell’operazione era già nell’aria, ma ora è ufficiale. Questo il commento di Marni Walden, Verizon President of Media and Technologies: «La chiusura di questa transazione rappresenta un passo fondamentale per incrementare su scala globale il nostro business di media digitali. La combinazione degli asset di Verizon e Oath creerà nuovi modi per affascinare il pubblico di tutto il mondo».

Grande l’entusiasmo di Tim Armstrong, prima alla AOL e ora CEO di Oath. Il manager è stato un punto di riferimento per l’operazione, avendola guidata fino all’annuncio di Luglio 2016: «Stiamo costruendo il brad del futuro utilizzando tecnologie potenti, contenuti attendibili e dati differenziati. Ora che l’accordo è chiuso, possiamo ambire ad essere la migliore società per di media consumer e il partner migliore per i nostri inserzionisti e per i nostri partner di contenuti».

Oltre ai servizi “base” come quelli di posta elettronica (recentemente al centro di un’enorme bufera), Yahoo! ha ottenuto successo negli ultimi anni anche grazie a Yahoo Answer, popolare sopratutto tra i più giovani, e Flickr, una piattaforma che permette agli iscritti di caricare fotografie personali.

Ma quali le conseguenze di questo accordo? Il CEO di Yahoo! Marissa Mayer si è dimessa, ricevendo una buona uscita di ben 23 milioni di dollari. Purtroppo saranno in 2000 i dipendenti a perdere il proprio posto di lavoro.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.