Vivo è ufficialmente il primo produttore ad aver creato uno smartphone con lettore di impronte digitali posto sotto lo schermo. Apple è stata dunque anticipata e questo bellissimo video clip resterà nella storia.

Come avevamo già anticipato qualche giorno fa, oggi VIVO al Mobile World Congress di Shanghai ha presentato il primo smartphone che include un lettore di impronte digitali al di sotto dello schermo. Questa novità, che dovremmo ritrovare anche su iPhone 8, è basata sulla tecnologia di Qualcomm.

E’ la prima volta in assoluto che un produttore di smartphone dimostra il corretto funzionamento di un TouchID integrato nello schermo. Tra le altre cose questo dispositivo vanta anche di un display senza cornici, un corpo unibody e l’impermeabilità.

Per anni i dispositivi Android hanno dovuto adattare il lettore di impronte digitali all’interno di tasti squadrati oppure nel retro del dispositivo non potendo copiare il tasto Home tondo dell’iPhone, coperto da brevetto. D’ora in avanti invece, gli smartphone possono realmente essere privi di tasti perchè l’impronta può essere letta direttamente sullo schermo. Questo apre un mondo di nuove possibilità in merito al design degli smartphone. In più, il lettore funziona perfettamente anche con le mani bagnate e quindi risulta essere anche migliore del TouchID di iPhone.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Qualcomm ha commentato con grande gioia questo risultato. L’azienda venderà il sensore a svariati produttori che potranno adattarlo al design degli smartphone senza limitazioni. Il lettore di Qualcomm riesce a leggere le impronte attraverso display OLED fino a 1200um. La vendita del sensore a produttori esterni inizierà questo mese ed i primi smartphone con questa tecnologia arriveranno nella prima metà del 2018.

Apple al momento si trova in una dura battaglia legale con Qualcomm. L’iPhone 8 dovrebbe avere la stessa tecnologia per quanto riguarda il TouchID ma probabilmente Apple è arrivata da sola a questo risultato senza rivolgersi a Qualcomm o altre aziende. Naturalmente non scopriremo nulla a riguardo fino a Settembre.