HOTAgCom contro gli operatori telefonici: stop alla fatturazione ogni 28 giorni, deve essere mensile!

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha avviato procedimenti sanzionatori contro TIM, Wind Tre, Vodafone e Fastweb. Quest’ultimi, infatti, non hanno rispettato la delibera dell’Autorità, risalente a marzo, riguardante la fatturazione mensile della telefonia fissa, delle offerte comprendenti sia Internet che mobile, e per il rinnovo delle offerte commerciali.

agcom

La scelta degli operatori è ben nota. La fatturazione infatti è da 4 oppure 8 settimane (quindi non mensile), una manovra che penalizza i clienti, che possono pagare (quasi) un mese in più. Quello a cui punta AgCom è dunque:

  • Garantire massima trasparenza e confrontabilità dei prezzi
  • Permettere al consumatore il controllo dei consumi e della spesa

La risposta degli operatori però non si è fatta attendere, e hanno infatti presentato un ricorso al Tar contro la delibera dell’Autorità di marzo. Le ragioni di TIM, Vodaonfe, Wind Tre e Fastweb sono:

  • L’obbligo di trasparenza verso i clienti è onorato
  • I clienti sono informati di quanto pagano ogni 4 o 8 settimane e di quanto pagherebbero se questi aumenti fossero spalmati sul mese con il precedente metodo di fatturazione
  • L’articolo 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni stabilisce come una società può cambiare i suoi prezzi
  • L’articolo 70 comma 4 del Codice sarebbe rispettato dal nuovo sistema di fatturazione a 4 o 8 settimane
  • La delibera dell’Autorità di marzo violerebbe la libertà d’impresa
  • La delibera, in pratica, trasformerebbe i prezzi (liberi) in tariffe regolamentate dall’alto, ovvero dall’Autorità per le comunicazioni

Via | Repubblica

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha avviato procedimenti sanzionatori contro TIM, Wind Tre, Vodafone e Fastweb. Quest’ultimi, infatti, non hanno…


Iscrivetevi al canale cliccando il tasto.

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
1114
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: