Apple Music

Apple accusata di manomettere i dati di ascolto di Apple Music: arriva la denuncia

Apple sotto accusa per la gestione dei dati di ascolto su Apple Music e dei pagamenti ad essi legati per i diritti. La denuncia arriva direttamente da un musicista, Bryan Eich.

L’accusa che Bryan Eich muove ad Apple è molto semplice: l’azienda di Cupertino modificherebbe intenzionalmente nei report il numero di download e di ascolti di brani musicali su Apple Music. Il numero sarebbe inferiore alla realtà, e ciò permetterebbe ad Apple di pagare meno royalties agli artisti.

Su Apple Music sono presenti due album di cui il musicista Eich detiene i diritti, e quest’ultimo afferma che Apple ha non ha mai inviato una notifica di intenti per ottenere le licenze sul totale dei 18 brani presenti sulla piattaforma. Si tratta di una pratica obbligatoria e prevista dalla legge, ma per Eich l’azienda di Cupertino la starebbe aggirando per eliminare intenzionalmente alcuni dati su download e ascolti dei brani. In aggiunta, viene menzionata nella denuncia anche Beats Music. Queste pratiche sarebbero dunque iniziate ancor prima del lancio di Apple Music.

Apple, tramite i suoi legali, non ha tardato a rispondere a Bryan Eich, dichiarando che i problemi risalivano al tempo di Beats Music ma che poi sono stati risolti. Per il musicista, tuttavia, la modifica ai rapporti è riscontrabile anche con Apple Music.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!