Apple

Apple coinvolta in una nuova class action per i bug Meltdown e Spectre

Apple è stata chiamata in una nuova class action insieme ad AMD ed Intel. Il motivo sono i bug Meltdown e Spectre, recentemente scoperti.

Come vi abbiamo spiegato in questo nostro articolo dedicato, i bug Meltdown e Spectre affliggono praticamente tutti i processori prodotti negli ultimi dieci anni. Questo si traduce in miliardi di dispositivi a rischio. Grazie a questi bug infatti, un malintenzionato potrebbe ottenere l’accesso i dati in memoria, senza particolari permessi. Ovviamente i produttori come Apple, Intel e AMD sono già corsi ai ripari, rilasciando delle correzioni software per bloccare questa vulnerabilità hardware. Questo però ha rallentato numerosi dispositivi, sopratutto le macchine Windows.

Per via degli inevitabili rallentamenti e cali di prestazioni, dovuti alle correzioni software, Apple è stata coinvolta in una nuova class action con Intel e AMD. A lanciare la class action è stata la corte del Distretto di Haifa, in Israele. Ecco una breve citazione della denuncia:

I nostri peggiori incubi si sono avverati e una gigantesca bolla tecnologica è appena esplosa. Che questo è un terremoto è un eufemismo. Dall’annuncio da parte delle aziende delle vulnerabilità dei loro prodotti, ci rendiamo conto che stiamo vivendo in un mondo irreale e ora comprendiamo che non abbiamo nemmeno un minimo di privacy.
Per il momento non ci resta che attendere per vedere come si svilupperà il caso. Ricordiamo che Apple ha già rilasciato degli aggiornamenti software per macOS, tvOS e iOS per limitare i danni di Meltdown e Spectre.

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!