Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Rumors

Apple sta costruendo in segreto gli schermi MicroLED per i futuri dispositivi, iniziando da Apple Watch

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Abbiamo già parlato varie volte dei MicroLED ma questa volta è direttamente Bloomberg a rivelare che Apple sta progettando e producendo i display dei suoi futuri dispositivi in una struttura adiacente al quartier generale, in California. Questi speciali schermi, possono avere una luminosità più elevata degli attuali OLED e consumi fino al 90% in meno rispetto agli LCD (-50% rispetto agli OLED).

Al momento Apple sta affidando a Samsung la produzione degli schermi di iPhone X e del suo successore, tuttavia era ben chiaro che questa situazione non sarebbe andata avanti in etero. A Cupertino stanno decisamente giocando di astuzia perchè mentre tutti i produttori ed i fornitori investono sugli OLED, l’azienda si porta avanti cercando di introdurre una nuova tipologia di schermo di cui essa stessa sarà pioniera.

I MicroLED sono davvero complessi da produrre e pare che Apple abbia già rinunciato una volta a produrli, mettendo in pausa il progetto. Adesso, sempre secondo Bloomberg, Apple dispone delle conoscenze e della tecnologia adeguate per riuscire nell’impresa. Il supervisore del progetto è Lynn Youngs, veterano di Apple, che ha contribuito allo sviluppo dei touch screen nei primi iPhone. Il nome in codice è “T159” ed i lavori procedono all’interno di una struttura di 6000 metri quadrati a 15 minuti dall’Apple Park.

Apple ha impiegato mesi prima di riuscire a produrre qualcosa di concreto. Solo a fine 2017 si è ottenuto un primo prototipo perfettamente funzionante per uno schermo destinato ad Apple Watch.

E’ proprio sullo smartwatch che Apple inizierà a sperimentare questo display, per una serie di motivi: Innanzitutto lo schermo è più piccolo, successivamente una riduzione dei consumi pari al 50% potrebbero sarebbe davvero importante sull’orologio, raddoppiando la sua autonomia standard.

Dalla sperimentazione al lancio passerà ancora tanto tempo: Apple ha deciso di continuare la sperimentazione per due anni, per evitare di fare passi avventati. Per quanto riguarda l’iPhone passerà ancora più tempo, dai 3 ai 5 anni, prima di poter vedere questo tipo di schermo sui dispositivi.

La produzione di questo schermo richiederà nuove strutture ed attrezzature, ci vorrà tempo e non è detto che nel mentre gli altri produttori tradizionali non arrivino a concepire qualcos’altro. Apple potrebbe trovarsi in seria difficoltà qualora il progetto andasse male o fosse soppiantato da “altro”, dopo uno sforzo così oneroso.

Quel che è certo è che Apple vuole tenere gli altri partner di schermi il più lontani possibile da questa tecnologia. Apple vuole progettare in casa tutto quello che è necessario per i propri dispositivi e quindi non può permettersi che altri fornitori mettano le mani sui MicroLED. Al momento Samsung vende i propri OLED a chiunque ne faccia richiesta, ma se Apple riuscisse a dominare il mercato dei MicroLED, nessun altro produttore potrebbe avere uno schermo qualitativamente così alto, per svariati anni.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.