Le vendite di HomePod a quanto sembra stanno deludendo le aspettative, e ciò, stando a quanto riportato da Bloomberg, avrebbe indotto Apple a tagliare gli ordini con i fornitori.

All’inizio, sulla base del forte interesse e dei numerosi pre-ordini, sembrava che HomePod avesse tutte le carte in regola per vendere molto e conquistare una bella fetta del mercato degli smart speaker, ma le cose sembra abbiano preso una piega diversa:

Durante le prime 10 settimane di vendita di HomePod, il dispositivo ha conquistato con difficoltà il 10% del mercato degli smart speaker, paragonato al 73% dei dispositivi Echo di Amazon e al 14% di Google Home, stando a Slide Intelligence. Tre settimane dopo il lancio, le vendite settimanali di HomePod sono slittate del 4% circa nella categoria smart speaker, ha rivelato l’azienda di ricerca.

Il prezzo di partenza di HomePod è di $349, e ciò rende il dispositivo ben più caro della concorrenza. Il colosso di Cupertino ha fatto molto per promuovere la qualità audio dello smart speaker (valore riconosciuto da praticamente tutti gli esperti del settore), ma il prezzo e la sua inabilità di lavorare nativamente con servizi musicali diversi da Apple Music hanno sicuramente influito – negativamente – sulle vendite.

Secondo Gene Munster, e le sue ultime stime risalenti a Febbraio, Apple venderà in totale 7 milioni di HomePod nel 2018, per arrivare poi a 10.9 milioni nel 2019.