Notizie

WhatsApp chiede la conferma dell’età e spiega come i dati personali verranno utilizzati da Facebook

Come anticipato qualche settimana fa, in vista del nuovo regolamento europeo in materia di privacy – GDPR – che entrerà in vigore dal prossimo 25 maggio, WhatsApp vieta l’utilizzo dei propri servizi ai minori di 16 anni. A tal proposito la società, che ricordiamo appartenere a Facebook, ha recentemente aggiornato i Termini di utilizzo e l’Informativa sulla Privacy, chiedendo agli utenti di accettare le nuove condizioni entro il 9 giugno e di confermare di avere più di 16 anni.

All’interno dell’informativa, inoltre, WhatsApp spiega come intende raccogliere, utilizzare e condividere i dati personali con l’azienda madre, Facebook:

WhatsApp è una delle aziende di Facebook. Lavora e condivide informazioni con le altre aziende di Facebook per ricevere servizi quali tecnologie e sistemi che ci consentono di offrire e migliorare WhatsApp e continuare a mantenere WhatsApp e le aziende di Facebook sicure e protette. Le informazioni che condividiamo con loro vengono usate per aiutare WhatsApp. Lavorare insieme ci consente di:

 

  • Offrire messaggi e chiamate rapidi e affidabili in tutto il mondo e comprendere le prestazioni dei nostri servizi e delle nostre funzioni.
  • Garantire protezione e sicurezza su WhatsApp e sui prodotti delle aziende di Facebook rimuovendo account spam e contrastando attività improprie.
  • Collegare la tua esperienza WhatsApp con i prodotti delle aziende di Facebook (ad es. puoi condividere un link a un post da Facebook a una chat WhatsApp).
  • Permetterti di comunicare con le aziende su WhatsApp (attraverso un pulsante presente su una pagina aziendale Facebook grazie al quale potrai avviare una conversazione con l’azienda stessa).

L’azienda ci tiene a sottolineare che Facebook non utilizza le informazioni degli account WhatsApp per migliorare l’esperienza utente con i prodotti Facebook o per fornire messaggi pubblicitari più pertinenti. Niente di quello che condividerete su WhatsApp, inclusi messaggi, foto e informazioni del vostro account, verrà condiviso su Facebook o su altre app del gruppo per essere visto da terzi, a meno che non siate voi a decidere di farlo.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!