Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Instagram: in arrivo la condivisione dei video fino a 60 minuti!
Notizie

Instagram: in arrivo la condivisione dei video fino a 60 minuti! 

Coloro che utilizzano Instagram sanno che, attualmente, l’unico modo per condividere video più lunghi di minuto consiste nell’effettuare dirette. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, però, il social network di proprietà di Facebook sarebbe a lavoro sulla possibilità di caricare video della durata di un’ora.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Nelle ultime settimane, infatti, Instagram ha incontrato editori e creatori di contenuti per discutere dell’eventuale possibilità di caricare video di lunga durata sulla piattaforma. Il WSJ afferma, a tal proposito, che per adesso la società si sta concentrando sulla condivisione di filmati verticali, anche se le cose potrebbero cambiare prima del lancio della funzione.

Sebbene Instagram non abbia ancora annunciato nulla di ufficiale a riguardo, quanto riportato dal WSJ non sembra del tutto da escludere vista la recente decisione di Facebook di concentrarsi maggiormente sui video e considerati anche gli incontri con gli editori. Esiste, dunque, la possibilità concreta di vedere contenuti professionali originali sulla piattaforma i quali, forse, saranno fruibili solo dall’applicazione.

Tali filmati potrebbero così dar vita ad un nuovo modo di pubblicare annunci, aumentando anche i margini di guadagno di tutti quegli utenti che, preferendo pubblicare i propri contenuti su Instagram piuttosto che su Facebook, saranno in grado di attirare l’attenzione dei followers, tenendoli impegnati per un tempo decisamente più lungo rispetto a quello consentito dagli attuali video.

I nuovi contenuti, inoltre, potrebbero rendere Instagram un concorrente di altri fornitori di video originali, tra cui Apple, Amazon, Netflix e YouTube anche se, ad oggi, non sono trapelate notizie riguardanti un eventuale abbonamento a pagamento.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.