La battaglia legale tra Apple e Samsung sembra davvero non avere fine. L’azienda sud-coreana, rea di aver infranto i brevetti di Apple relativi ad iPhone, è stata condannata a pagare 533 milioni di dollari di danni, ma a quanto pare non vuole accettare la realtà dei fatti nemmeno dopo il verdetto della giuria.

L’eterna rivale di Apple ha dunque rifiutato il verdetto della giuria e, stando a Law360, vuole che la decisione venga ribaltata o che quantomeno si dia inizio ad un nuovo processo:

A pagina 34 della mozione post-processo di Samsung Electronics Co. Ltd, il gigante tech coreano afferma che il verdetto della giuria, andato in favore di Apple Inc. su metà di quanto chiesto, non è supportato dai fatti e “nessuna ragionevole giuria” potrebbe giungere alla conclusione della giuria.

 

«Il verdetto della giuria è eccessivo e contrario al peso delle prove in ogni questione identificata, e… le prove sono a favore di un verdetto che non superi i 28.085 milioni di dollari», si legge nella mozione.

La mozione di Samsung ripete insomma quello che è stato dichiarato in aula di tribunale, affermando ancora una volta che si dovrebbe parlare di brevetti infranti di specifici componenti, non di tutto lo smartphone.

Apple ha tempo fino al 21 Giugno per rispondere alla mozione, e un’udienza è stata pianificata per il 26 Luglio.