Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

NotizieOperatori

AGCOM: gli operatori devono rimborsare i clienti per la fatturazione a 28 giorni!

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Oggi torniamo a parlare della fatturazione ogni 28 giorni, e la facciamo grazie ad un nuovo comunicato stampa rilasciato da AGCOM.

Sul finire del 2017, come probabilmente ricorderete, un emendamento divenuto legge ha finalmente bloccato la fatturazione ogni 4 settimane. Questa veniva adoperata da TIM, Fastweb, Vodafone e Wind Tre. Gli operatori attivi in Italia furono accusati della creazione di un cartello, accuse formulate dal Garante della Concorrenza.

L’AGCOM però non ci sta, e ha infatti imposto ai citati operatori di rimborsare i clienti per tutti i giorni illecitamente erosi in seguito alle modifiche sul periodo di fatturazione. E precisamente, i rimborsi devono completarsi entro il 31 Dicembre 2018. Pena? Altre sanzioni!

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Si è parlato di questa soluzione in una delibera di Dicembre, ma un ricorso al TAR da parte delle aziende interessate ha portato alla sospensione. Si è giunti dunque ad una sorta di compromesso tra i citati operatori e l’Autorità delle Comunicazioni. Ma se il compromesso evita il rimborso in denaro, allora di che rimborso si parla? La soluzione è la posticipazione delle singole fatture, consentendo così ai clienti di “recuperare” i giorni di utilizzo illecitamente sottratti. In poche parole, il prezzo del canone resterà lo stesso, ma aumenteranno i giorni coperti.

Altro punto importante della questione riguarda l’arco di tempo dei rimborsi. Nonostante infatti questa tipologia di fatturazione sia stata messa in atto da diversi operatori già nel 2016, i rimborsi riguarderanno solo i giorni sottratti tra il 23 Giugno 2017 e il giorno che segna il ritorno alla fatturazione mensile. Questo perché l’obbligo di tornare al pagamento ogni 30 giorni è stato inserito dall’AGCOM nella delibera 121/27, che gli operatori però ignorarono.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.