Apple Music

Tim Cook, CEO di Apple: la differenza tra Apple Music e Spotify la fa l’uomo

Tim Cook, CEO di Apple, ha concesso un’intervista a Robert Safian di Fast Company. L’argomento? La musica, e quindi anche Apple Music.

Fast Company vuole delineare un profilo di Daniel Ek, fondatore e CEO di Spotify, e considerando la rivalità tra Spotify ed Apple Music, è stato chiamato in causa anche Tim Cook. Quest’ultimo ha affermato di intendere la musica come fonte d’ispirazione, una filosofia condivisa in Apple e che è alla base della gestione umana di Apple Music.

La musica ispira, sprona. È anche quella cosa che di notte aiuta a rilassarmi. Credo sia migliore di ogni medicina.

Nonostante non abbia citato Spotify direttamente, Cook ha affermato che Apple è preoccupata dal fatto che lo streaming musicale stia perdendo quel tocco umano. L’allusione a Spotify è chiara, considerando che i contenuti in evidenza sono gestiti da algoritmi.

Apple Music ha esordito solo tre anni fa, ma nonostante ciò può contare già su 50 milioni di utenti, tra paganti e coloro che stanno sfruttando i mesi di prova, e sta recuperando rapidamente terreno su Spotify. Secondo gli ultimi dati, Spotify conta 83 milioni di abbonati in tutto il mondo.

Ma tra Spotify ed Apple Music c’è un’importante differenza. La prima consente infatti di ascoltare musica gratuitamente, seppur con delle limitazioni, ed è proprio questa possibilità che continua ad attirare nuovi utenti.

Voi quale piattaforma utilizzate per ascoltare la musica? Spotify o Apple Music?

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!