Icona applicazione Google Allo

Google Allo

Google LLC
Gratis

Ripetiamo spesso che il mercato degli smartphone è saturo ma sapete cos’altro è saturo? Tutto quel ramo di applicazioni di social network e di messaggistica immediata.

  • Google Allo
  • Google Allo
  • Google Allo
  • Google Allo
  • Google Allo

Ormai le uniche applicazioni che funzionano sono Whatsapp, Instagram, Facebook e Telegram. Esattamente in questo ordine. Di queste 4 applicazioni, tre appartengono a Facebook, Telegram viene vista come l’app indipendente al momento più sicura tra tutte e poi c’è iMessage che continua a resistere esclusivamente per la sua integrazione nativa in tutti i dispositivi iOS.

Tutto il resto o è in crisi o viene abbandonato e muore dopo poco tempo. Le più grandi dimostrazioni sono Google+ che si proponeva come un social network alternativo a Facebook ed ora anche Allo, la piattaforma di messaggistica con Google Assistant integrato.

L’applicazione era davvero moderna e carina, velocissima e con una bella interfaccia. Permetteva di chattare con l’assistente di Google ottenendo diversi benefici e poteva essere inserito anche nei gruppi. L’app in un primo momento è stata messa in pausa ma oggi Google ha ufficializzato che a partire da Marzo 2019, cesserà di esistere.

Il progetto non è andato.. sono troppo pochi gli utenti che la utilizzano e di conseguenza verrà chiusa.

Se falliscono Google+ ed Allo, appartenenti ad un’azienda multimiliardaria con miliardi di utenti che utilizzano i propri servizi ogni giorno, quali speranze potrebbero avere i piccoli sviluppatori?

E’ un momento storico particolare, anche Twitter sta lentamente morendo (anche se bisogna riconoscere che resiste ormai già da qualche anno, merito delle telecronache degli spettacoli in TV dove la piattaforma continua a ricevere pubblicità e ad essere utilizzata). Gli utenti non hanno più il tempo nè la voglia di sperimentare o imparare ad utilizzare altre app partendo da zero. Si investe sempre di più sul proprio profilo Instagram, impiegando anche diverse ore al giorno a creare storie per mantenere attivo “il proprio pubblico”.

Dunque anche Allo chiuderà e la sua tecnologia verrà integrata in Android Messages… mancherà a qualcuno?