Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Notizie

Intel rivela i nuovi processori Sunny Cove a 10 nanometri

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Oggi Intel ha presentato la nuova serie di processori Sunny Cove a 10 nanometri, previsti per il 2019. I prossimi modelli di Mac potrebbero già avere i nuovi Intel Core con un significativo aumento in termini di prestazioni.

intel sunny cove

I chip vengono descritti dall’azienda come “più profondi, più ampi e più intelligenti” e offriranno chiaramente prestazioni maggiori abbinate ad un consumo di potenza ridotto. Intel ha faticato parecchio per portare sul mercato questa nuova tecnologia a 10 nanometri, prevista inizialmente per il 2015. Ora però l’annuncio è stato fatto e i nuovi chip arriveranno nel finalmente nel 2019.

Anche se ovviamente non esiste ancora una conferma da parte di Apple, i successivi aggiornamenti della linea Mac avranno probabilmente i processori a 10 nanometri. Non è ancora chiaro se verranno adottati quelli di Intel, oppure verranno prodotti processori proprietari, come accade con iPhone e iPad.

Per quanto riguarda altre nuove funzionalità con queste CPU, Intel ha promesso velocità maggiori nelle attività correlate all’IA, crittografia e apprendimento automatico. Un rapporto dettagliato di ArsTechnica descrive alcune delle nuove tecnologie incorporate nella serie e come questa offrirà anche opzioni di memoria espansa, permettendo di aprire la porta ai supercomputer con petabyte di RAM o 48 core.

Sunny Cove ha apportato il primo importante cambiamento al supporto della memoria virtuale x64 da quando AMD ha introdotto l’estensione x86-64 a 64 bit su x86 nel 2003. Sebbene gli indirizzi di memoria virtuale utilizzati su questi sistemi richiedano 64 bit per l’archiviazione, contengono solo 48 bit utili di informazione. Vengono infatti utilizzati i bit da 0 a 47, con i primi 16 bit, da 48 a 63, tutte le copie del bit 47. Ciò limita lo spazio di indirizzi virtuali a 256 TB. Questi indirizzi virtuali sono mappati a indirizzi fisici usando una struttura di tabella di pagina con quattro livelli, con indirizzi di memoria fisica limitati a 48 bit. Ciò significa che questi sistemi possono supportare un massimo di 256 TB di memoria fisica.

Inoltre, Intel ha rinnovato i piani per la produzione di un’opzione grafica alternativa entro il 2020, forse nel tentativo di mantenere Apple come cliente nel prossimo decennio.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.