Notizie

Apple e Google dovranno presentarsi in Senato per discutere della questione Locationgate

C’era da aspettarselo. La questione Locationgate ha iniziato ad alzare un polverone incredibile, al punto tale da interessare un Senatore americano ed il procuratore generale dell’Illinois che hanno convocato Apple e Google in senato per discutere e chiarire la faccenda una volta per tutte.

Ecco cosa dichiara Lisa Madigan, procuratore generale dell’Illinois:

Vorrei sapere se i consumatori siano stati informati di ciò che viene monitorato e conservato da Apple e Google, e se tale funzione di monitoraggio ed archiviazione può essere disabilitata.

Ed ecco le dichiarazioni del Senatore Al Franken:

I recenti progressi nella tecnologia mobile hanno permesso agli americani di restare collegati come mai prima ed hanno offerto un numero inredibile di risorse a tutti i consumatori. Ma la stessa tecnologia che ci ha dato gli smartphone, i tablet ed i cellulari ha anche permesso a questi dispositivi di raccogliere informazioni estremamente sensibile sugli utenti, comprese le registrazioni dettagliate dei loro spostamenti quotidiani e la loro posizione. Questa udienza è il primo passo per assicurare ai cittadini che ci sono delle leggi federali che proteggono la privacy dei consumatori, soprattutto quando si parla di tecnologia mobile.

Insomma, le cose iniziano a farsi serie e preoccupanti per Apple e Google e questa udienza, in programma il prossimo 10 maggio, fa sembrare le indagini da parte dei Governi di Italia, Francia, Germania e Corea del Sud questioni di rilevanza minore.

via | 9to5mac

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!