C’era da aspettarselo. La questione Locationgate ha iniziato ad alzare un polverone incredibile, al punto tale da interessare un Senatore americano ed il procuratore generale dell’Illinois che hanno convocato Apple e Google in senato per discutere e chiarire la faccenda una volta per tutte.

Ecco cosa dichiara Lisa Madigan, procuratore generale dell’Illinois:

Vorrei sapere se i consumatori siano stati informati di ciò che viene monitorato e conservato da Apple e Google, e se tale funzione di monitoraggio ed archiviazione può essere disabilitata.

Ed ecco le dichiarazioni del Senatore Al Franken:

I recenti progressi nella tecnologia mobile hanno permesso agli americani di restare collegati come mai prima ed hanno offerto un numero inredibile di risorse a tutti i consumatori. Ma la stessa tecnologia che ci ha dato gli smartphone, i tablet ed i cellulari ha anche permesso a questi dispositivi di raccogliere informazioni estremamente sensibile sugli utenti, comprese le registrazioni dettagliate dei loro spostamenti quotidiani e la loro posizione. Questa udienza è il primo passo per assicurare ai cittadini che ci sono delle leggi federali che proteggono la privacy dei consumatori, soprattutto quando si parla di tecnologia mobile.

Insomma, le cose iniziano a farsi serie e preoccupanti per Apple e Google e questa udienza, in programma il prossimo 10 maggio, fa sembrare le indagini da parte dei Governi di Italia, Francia, Germania e Corea del Sud questioni di rilevanza minore.

via | 9to5mac