NewsSiri

“SiriOS” previsto per il WWDC del 2020?

Apple potrebbe sviluppare un “SiriOS”, secondo una relazione relativa al riconoscimento vocale e negli assistenti digitali di Mangrove Capital Partners.

Il rapporto “Voice Tech 2019” della società di investimenti Mangrove anticipa un maggiore spostamento verso l’elaborazione vocale nel prossimo decennio, con l’uso di sistemi che si basano su intelligenza artificiale e apprendimento automatico, oltre al riconoscimento vocale che genererà una “nuova generazione di aziende tecnologiche in ogni categoria.”

Dotato di un tasso di precisione di 95%, che li mette alla pari con gli umani per la comprensione del linguaggio, si sostiene che la voce è una “forma di comunicazione molto più naturale, conveniente ed efficiente” tramite un dispositivo rispetto alla digitazione e diventerà l interfaccia umana – macchina primaria in futuro. . Viene inoltre evidenziata l’ascesa dei dispositivi Internet of Things e delle apparecchiature intelligenti con sistemi di riconoscimento vocale, insieme all’ampia varietà di lingue supportate da Google e alla flessibilità delle competenze di Alexa.

I miglioramenti nell’intelligenza artificiale sono propagandati per sviluppare ulteriormente le capacità degli assistenti vocali, con algoritmi di prima ondulazione e miglioramenti decisionali di seconda ondata che saranno seguiti da un’IA di terza parte che raccoglie i dati dai sensori e può automatizzare processi più complessi. Poiché questi miglioramenti incidono sul modo in cui gli utenti lavorano con i dispositivi, apparentemente ciò indurrà le aziende a “ripensare il modo in cui interagisce con il proprio pubblico“, utilizzando “interfacce voice-first sensibili al contesto” che non si basano su risposte prevedibili programmate.

siri

Mangrove ritiene che gli investimenti in startup vocali abbiano raggiunto i $ 768 milioni nel 2019, sopra i $ 581 milioni osservati nel 2018 e $ 298 milioni nel 2017. Si stima che oltre un miliardo di dollari venga investito in startup vocali negli Stati Uniti, con altri $ 118 milioni in Europa.

Privacy ed Ecosistema

Verso la fine del rapporto, si passa al concetto di privacy, con un sondaggio di Microsoft che suggerisce che il 41% degli utenti sia preoccupato, in particolare per quanto riguarda l’ascolto passivo. Dopo aver rilevato la presenza di microfoni nei dispositivi Google Nest e un brevetto Amazon per “ascoltare tutte le conversazioni in una stanza“, Mangrove suggerisce che le aziende tecnologiche seguiranno Apple nel rispondere alle preoccupazioni degli utenti, cosa che “sta facendo in modo particolarmente efficace“.

L’esempio fornito è l’acquisizione da parte di Apple di Silk Labs, che si occupa di software AI su dispositivo che esegue l’elaborazione su iPhone o iPad stesso, senza fare affidamento sulla comunicazione con i server cloud. L’acquisizione è annunciata come una “mossa astuta“.

Al contrario, Apple sarebbe stata “meno efficace nel costruire un ecosistema attorno alla voce“. La visione del “Knowledge Navigator” suggerisce che la strategia vocale di Apple era “più chiaramente articolata nel 1987 di quanto non lo sia ora“.

SiriOS

Il rapporto dichiara infine: “La comunità della voce si aspetta che Apple rilasci un SiriOS per la sua comunità di sviluppatori al WWDC 2020, che accelererebbe l’innovazione e l’adozione“. Oltre a citare Brett Kinsella di Voicebot.ai che chiama SiriOS “desiderabile per abilitare l’innovazione ed è visto da molti come richiesto per abbinare i progressi fatti da Amazon e Google con i loro assistenti vocali“.

SiriOS sarebbe l’equivalente di Alexa con Alexa Skills Kit o dell’Assistente Google che utilizza le azioni sull’ambiente di sviluppo di Google. Piuttosto che far parte di sistemi operativi esistenti, governati e limitati da linee guida e regole che gli sviluppatori dovrebbero seguire in SiriKit, con differenze per iOS e macOS, SiriOS sarebbe effettivamente un sistema indipendente dal sistema operativo del dispositivo.

Un sistema Siri dedicato, potrebbe consentire alle funzioni e alle funzionalità di Siri nei sistemi operativi Apple di avere parità su tutta la linea e di implementare le modifiche su tutti i dispositivi contemporaneamente. Per gli sviluppatori, SiriOS sarebbe anche idealmente libero da molte delle restrizioni esistenti di SiriKit e non richiederebbe necessariamente una conoscenza approfondita di come funzionerebbe la specifica implementazione Siri su ogni sistema operativo.

Separando Siri dal sistema operativo, potrebbe aprire altri modi in cui l’assistente digitale può essere utilizzato. Ad esempio, gli sviluppatori potrebbero potenzialmente integrare Siri direttamente nelle loro app, offrendo un’esperienza altamente personalizzata in base alle capacità dell’app.

 

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!