iPhone

FCC: gli iPhone non superano i livelli di sicurezza delle radiazioni a radiofrequenza

FCC afferma che gli iPhone non "violano le regole dell'agenzia" sui livelli massimi di esposizione alle RF

Gli iPhone non hanno violato le regole FCC sui livelli massimi di esposizione alle radiofrequenze, ha affermato FCC (via Bloomberg).

PUBBLICITÀ

Ad agosto, un’indagine avviata da The Chicago Tribune suggeriva che alcuni iPhone di Apple emettevano radiazioni a radiofrequenza che superavano i limiti di sicurezza federali.

Il giornale ha assunto un laboratorio accreditato per testare diversi smartphone, inclusi gli iPhone di Apple, secondo le linee guida federali e ha scoperto che alcuni degli iPhone di Apple hanno violato le linee guida federali.

iPhone

Apple all’epoca contestava i risultati e affermava che i test non erano accurati “a causa della configurazione del test non conforme alle procedure necessarie per valutare correttamente i modelli di iPhone”.

In risposta alle indagini, la FCC ha promesso di fare i propri test sugli smartphone di Apple e Samsung, e i test della FCC si scontrano con i risultati di The Chicago Tribune.

FCC ha testato ‌iPhone‌ 7, ‌iPhone‌ X e iPhone XS utilizzando modelli acquistati sul mercato aperto e quelli forniti da Apple. Nessun test di FCC ha dato gli stessi risultati che The Chicago Tribune aveva ottenuto dai suoi test indipendenti.

Tutti i telefoni cellulari di prova testati dal laboratorio FCC, sia campioni forniti sia autorizzati, hanno prodotto valori SAR medi massimi di 1 g inferiori al limite di 1,6 W / kg specificato nelle norme FCC. Pertanto, tutti i dispositivi di campionamento testati sono conformi ai limiti di radiazione, e questi test non hanno prodotto prove di violazioni delle regole FCC relative ai livelli massimi di esposizione alle RF.

I risultati completi dei test sono riportati nel documento pubblicato dalla FCC. [PDF]

 

 

PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button